menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuove regole per il gioco d'azzardo, slot machine a distanza di sicurezza dai luoghi più sensibili

Arriva dalla Regione il divieto di installare macchine per il gioco d'azzardo entro 500 metri da scuole, chiese, centri anziani

Slot machine a distanza di sicurezza dai luoghi sensibili: questo il provvedimento approvato dalla Giunta regionale oggi 20 gennaio, che prevede una distanza minima di 500 metri fra i videopoker e scuole, chiese, ospedali, centri anziani e centri sportivi, anche per il rinnovo delle licenze di macchine già attive in bar, sale giochi e tabaccherie.

Il provvedimento si inserisce nel quadro di iniziative che il Pirellone ha già preso per contrastare le ludopatie e la dipendenza da gioco d'azzardo: «Vogliamo responsabilizzare i gestori - commenta a questo proposito il Consigliere regionale Mauro Piazza - rendere consapevoli i giocatori, tutelare i minori e, soprattutto, prevenire l'altissimo costo sociale che la dipendenza da gioco crea nel tessuto lombardo».

Le nuove norme riguarderanno non solo le macchine di nuova installazione, già bloccate dalla nuova legge, ma anche quelle già presenti negli esercizi pubblici: allo scadere della licenza, verrà controllata la distanza fra l'esercizio e i luoghi sensibili e, se questo dovesse trovarsi all'interno della fascia di sicurezza, il videopoker sarà disinstallato e non potrà più funzionare.

«Il progetto di legge prevede una precisa ed esplicita responsabilità autorizzativa dei Comuni nei confronti degli interventi edilizi dedicati alla realizzazione o all'ampliamento delle sale gioco», commenta Daniele Nava, Sottosegretario regionale agli enti locali.

Infine, Comuni e associazioni possono presentare a Regione Lombardia, entro il 31 gennaio, proposte mirate a contrastare il gioco d'azzardo patologico e a combattere la ludopatia. Le manifestazioni d'interesse serviranno per mappare le esigenze del territorio e aprire un bando che possa premiare al meglio le iniziative: «3 milioni di euro saranno a disposizione degli Enti locali che presenteranno i migliori progetti, con un massimo di 50.000 euro ciascuno - precisa Nava - in modo da prevedere un'azione efficace e a tappeto, per i prossimi due anni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento