Civate: pescatori trovano resti umani nel lago di Annone, indagano le forze dell'ordine

Il rinvenimento è avvenuto pochi giorni fa: le ossa sono state viste nelle vicinanze del sentiero che si addentra nella zona boschiva del lungolago

Il lago di Annone visto dall'alto

Alcuni resti umani sono stati trovati nel lago di Annone Brianza, non lontano dal tracciato della Strada Statale 36 "del Lago di Como e dello Spluga". Si tratta di una mandibola e altre parti di scheletro, recuperate e ora sottoposte all'esame dell'anatomopatologo incaricato dalla Procura della Repubblica di Lecco.

Resti umani trovati nel lago di Annone: indagano le forze dell'ordine

Il macabro rinvenimento è avvenuto in questi giorni ed è stato coperto dal riserbo delle forze dell'ordine: a effettuarlo sono stati alcuni pescatori in località Isella di Civate, sulla sponda del lago che si estende oltre un ex campeggio. Nessuna certezza per ora sull'identità della vittima e, tantomeno, su tempi e cause del decesso o se, ancora, si tratti di un uomo o di una donna.

A dare l'allarme dopo il ritrovamento sono stati gli stessi pescatori stranieri, originari dell'Est Europa, abituali frequentatori delle rive del lago di Annone, dove sono soliti anche accamparsi. Le ossa sono state viste nelle vicinanze del sentiero che si addentra nella zona boschiva del lungolago.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Giù le mani dalle mogli degli altri»: sui muri bellanesi insinuazioni contro il maresciallo

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Lombardia in zona gialla? «Nel Lecchese interessati circa 1.400 esercizi commerciali»

  • De Capitani: «Il Dpcm sul Natale divide l'Italia in due. Voglio vedere chi avrà il coraggio di multare»

  • Coronavirus, il punto: calo drastico tra i contagiati nel Lecchese (+53) e i ricoverati negli ospedali

  • Giovani travolti da una piccola slavina sul Legnone: ora rischiano una multa salatissima

Torna su
LeccoToday è in caricamento