menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le guardie ecozoofile con il cane ritrovato

Le guardie ecozoofile con il cane ritrovato

Scappata a seguito dell'incendio al canile: dopo tre giorni di ricerche ritrovata Fibi

Nella notte fra lunedì e martedì le guardie ecozoofile lecchesi sono state impegnate a Olgiate Comasco: utilizzata anche una termocamera per individuare, sana e salva, la cagnetta

Fibi sta bene ed è stata ritrovata alle 2.45 della notte fra lunedì e martedì. Hanno tirato un bel sospiro di sollievo le guardie ecozoofile del gruppo di Lecco e Como impegnate da giorni nelle ricerche del cane scappato a seguito del terribile incendio che sabato ha devastato il canile di Olgiate Comasco.

Sabato il terribile incendio

Grazie al tempestivo intervento dei Vigili del fuoco di Como, Appiano Gentile e Lomazzo, sabato è stato possibile salvare la vita a 60 animali che durante l'incendio si trovavano nei loro alloggi al canile. Una vicenda che da dramma si è trasformata in storia a lieto fine, grazie alla solidarietà dei cittadini olgiatesi che si sono fatti carico, accudendoli, dei cani rimasti senza una sistemazione.

Alla conta, però, è da subito mancata Fibi, una cagnolina dal pelo bianco e nero. Le ricerche sono scattate immediatamente grazie a Diana, responsabile della struttura di Olgiate, e alle guardie ecozoofile dell'Oipa Como e Lecco guidate dalla coordinatrice Diana Rigamonti. Per l'occasione si è unito alle ricerche un professionista del calibro di Said Beid, addestratore, educatore cinofilo e fantino conosciuto nell'ambiente per la notevole esperienza nelle attività di ricerca di animali smarriti (nelle sue battute utilizza anche termocamera, droni e cani molecolari).

Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

Nella notte fra lunedì e martedì, una squadra di ricercatori, con Said, ha battuto le campagne fuori Olgiate Comasco, impiegando anche la termocamera. Fibi è stata ritrovata intorno alle 2.45, provata ma in buone condizioni.

«Era molto spaventata, essendo reduce dall'esperienza in canile e dall'incendio, e non voleva avvicinarsi alle persone - spiega Debora Masciari, oggionese, vicecoordinatrice dell'Oipa Lecco-Como - Said ha rilevato la sua presenza con la camera termica, così abbiamo lasciato sparsi cibo e fototrappole, in modo da poterne monitorare gli spostamenti. Sul posto è giunta anche la padrona del canile, Diana, finché poi Fibi si è avvicinata».

Fondamentale l'apporto di Said Beid. «Dobbiamo ringraziarlo, è davvero infallibile - prosegue Masciari - Tra l'altro c'è una storia nella storia, perché qualche mese fa era riuscito a riportare da Diana anche Tabata, la sorella di Fibi che era scappata». Adesso, per fortuna, le due cagnoline potranno rivedersi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento