rotate-mobile
Altro caso / Centro storico / Piazza Armando Diaz

Pienone in centro per i negozi aperti, ancora botte in stazione: “Sindaco, cosa fai?”

Altra rissa a pochi metri dalla casa del Comune di Lecco, tra stazione e piazza Diaz

Risse, risse, ancora risse. Con cadenza quotidiana e nel pieno centro di Lecco. Giovedì sera ecco andare in scena un altro violento alterco in centro città, quel triangolo via Volta-piazza Diaz-Stazione che è diventato una vera e propria sacca di delinquenza. Poco prima delle 22 due giovani hanno dato vita a una scazzottata, rendendo necessario anche l'intervento di Polizia di Stato e Croce Rossa di Lecco.

“La sera del 30 giugno è un invito a uscire di casa: clima estivo e negozi aperti, come accade da parecchi anni il giovedì che si anima grazie ai commercianti che aderiscono all’iniziativa "Shopping di sera" di Confcommercio - ricorda Cinzia Bettega, capogruppo della Lega in Consiglio comunale -. Non sono neanche le 22, ed ecco che in piazza Diaz, proprio davanti al Comune, va in scena una lite fra ragazzi alterati che urlano. Uno di loro cade a terra colpito da un pugno in pieno volto, un cane abbaia agitato tanto da svincolarsi dal collare e mettersi a correre. Chi sta passando da lì si allontana veloce dalla banda pensando ai recenti episodi di violenza: un giovane ferito in via Volta in pieno giorno, una donna picchiata in stazione durante un tentativo di furto del telefono, un altro cittadino per poco non è stato alleggerito dal portafogli in un negozio, chi è arrestato si permette pure di dare in escandescenze in tribunale”.

lega piazza garibaldi lecco elezioni lecco 21 agosto 202035 cinzia bettega-2

“Alla Piccola degrado e vandalismi”

Bettega la sposta sul tema politico, inevitabilmente: “Quali controlli ha disposto l’Amministrazione comunale, di concerto con le Forze dell’Ordine? Il colore politico incide tantissimo e per l’ennesima volta la sinistra, quando si parla di sicurezza, non richiede misure decise, ma parla di progetti educativi, di percorsi d’inclusione, di monitoraggio dei problemi e così via: una cascata di parole, anche belle, ma che rinviano le soluzioni. Non ho nulla da obiettare sugli aiuti a chi è in difficoltà, ma non se mascherano una mancanza di iniziativa a tutela dei cittadini. Proprio tre sere fa in Consiglio comunale ho chiesto che cosa intendono fare il sindaco e gli assessori per quella specie di tendopoli che alla Piccola, oltre a essere uno spettacolo non decoroso, danneggia il lavoro degli ambulanti del mercato di Lecco che denunciano la puzza di urina, i bagni vandalizzati e un disordine generale. Mi è stato ribadito che queste persone non verranno sgomberate, perché hanno diritto a stare lì e che non sanno se sono regolari o no. Non sono risposte accettabili, ma purtroppo al Comune manca la volontà di prendere decisioni che alla fine sono di semplice buon senso”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pienone in centro per i negozi aperti, ancora botte in stazione: “Sindaco, cosa fai?”

LeccoToday è in caricamento