Rissa in aula a Calolzio, Nogara: "Mai visto un comportamento del genere"

Il segretario provinciale della Lega Nord si esprime dopo il movimentato consiglio comunale di giovedì

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

È da vent'anni che sono impegnato in politica, ma mai ho visto un comportamento da parte di un amministratore come quello tenuto dall'assessore Cola nello scorso consiglio comunale. Alzarsi dalla propria sedia e scagliarsi contro il sottoscritto con atteggiamento minaccioso spintonando con forza un cittadino che ha incontrato sul proprio percorso e urlandomi con tono imperativo di lasciare l'aula lasciando intendere altrimenti....chissà cosa....senza averne minimante il potere riservato infatti al presidente del consiglio comunale, ovvero il sindaco, con l'eventuale collaborazione degli agenti della polizia locale, lo ritengo ingiustificabile e da condannare pesantemente, perché Cola in quel momento ricopriva una carica istituzionale. Io nella sua posizione non avrei certo tentato di dare una giustificazione, come al contrario sta cercando di fare, ma mi sarei scusato pubblicamente e probabilmente anche dimesso per senso di responsabilita' e rispetto delle istituzioni. Interrompere un consigliere comunale che da dei razzisti ai leghisti, se non lo fa il sindaco, nella mia veste di Segretario Provinciale della Lega Nord è un mio dovere! Soprattutto perché era un consiglio comunale partecipato da molti cittadini ai quali non è ammissibile vengano raccontate delle falsità gravissime e offensive, soprattutto da un consigliere comunale di origini extracomunitarie che ha dichiarato con fierezza di essere amico di tutti gli extracomunitari che occupano costantemente la zona della stazione Ferroviaria di Calolziocorte e i parchi pubblici creando paura e insicurezza nei cittadini. Il sindaco avesse gestito come dovrebbe il consiglio comunale avrebbe evitato tutto questo. Il sindaco ha l'obbligo di interrompere e richiamare all'ordine un consigliere comunale che parla usando parolacce in continuazione e utilizza toni offensivi. Ma se il sindaco non interviene questo non vuol dire che un consigliere è libero di dare a me e ai leghisti in genere dei razzisti quando assolutamente non lo siamo! Noi non siamo razzisti, ma realisti e vogliamo venga fermata l'invasione in atto e il tentativo di islamizzazione del nostro paese a tutela anche dei numerosi immigrati regolari che si sono integrati nel nostro paese, che lavorano e pagano le tasse come noi. E questi ve lo assicuro sono i primi ad appoggiarci nella nostra lotta! Al 95% degli immigrati che stiamo accogliendo non verra' riconosciuto lo status di rifugiato e non avendo più titolo per restare nel nostro paese finiranno per vivere nella clandestinita' vivendo di espedienti e saranno una facile preda della malavita. Per questo la Lega Nord continuera' a lottare con tutte le proprie forze contro questo sistema aberrante di gestione e concezione del fenomeno immigratorio e chiediamo con insistenza ai sindaci di opporsi!
Attendo con ansia il 2018, anno in cui finalmente questo sindaco con la sua maggioranza verranno spazzati via da quegli stessi cittadini che in questi anni non sono mai stati ascoltati!

Il Segretario Provinciale di Lecco
Lega Nord - Lega Lombarda
Flavio Nogara 

Torna su
LeccoToday è in caricamento