rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
La scelta / Valmadrera

Roberto è morto per una fatalità: niente autopsia sul corpo dell'escursionista

Roberto Grassi, 87enne di Milano, è stato ritrovato senza vita venerdì sera sul Moregallo

Il corpo senza vita di Roberto Grassi, 87enne di Milano, è stato ritrovato venerdì sera nel canale Sambrosera. L'uomo, arrivato mercoledì a Valmadrera, si era incamminato verso la vetta della montagna come tante volte gli era capitato prima: arrivato in treno dal capoluogo durante la mattinata di mercoledì, aveva imboccato uno dei tanti sentieri che si perdono sopra la città, ma durante la serata non aveva fatto rientro casa.

Subito, intorno alle due di notte, si erano messe in moto varie squadre di soccorritori, ma dell'uomo non c'è stata traccia per le 48 ore successive: l'ennesima perlustrazione effettuata da pompieri e tecnici del Soccorso Alpino aveva permesso di rinvenirne la salma sul ripido collegamento tra la stazione di media montagna e la vetta del Moregallo. A tradire Roberto sarebbe stata l'oscurità: si trattava di un escursionista esperto, attrezzato, che aveva girato praticamente tutte le nostre montagne nel corso degli anni ed era quindi adeguatamente allenato. Non si esclude l'ipotesi di un malore, ma sul corpo dell'uomo non sarà eseguita l'autopsia.

I soccorsi

Anche per tutta la giornata di venerdì le squadre del Cnsas - Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico, XIX Delegazione Lariana, insieme a Guardia di finanza, Carabinieri e Vigili del fuoco avevano continuato le operazioni, perlustrando a fondo sia la parte più in basso, sia quella in quota, dove c’erano stati gli ultimi avvistamenti.

elicottero pompieri1-2

Gli elicotteri di Areu - Agenzia regionale emergenza urgenza, dei pompieri e delle fiamme gialle hanno sorvolato l'area ad ampio raggio; le squadre sono state portate in quota per ridurre i tempi d'intervento. L'uomo è stato individuato dall'alto in un canale molto impervio. L'uomo, classe 1934, è stato localizzato e recuperato nel canalone Sambrosera dall'elicottero Drago 82 dei Vigili del fuoco.

elicottero pompieri interno-2

“La stretta collaborazione con il Sagf - Soccorso alpino Guardia di finanza, con i Vigili del fuoco, con i Carabinieri e con il Nucleo cinofilo Soccorso Grigna - Protezione civile nazionale Alpini ha consentito di ottimizzare tutte le fasi della ricerca, è quindi doveroso un ringraziamento nei confronti di tutti coloro che hanno partecipato alle operazioni”, commenta il Soccorso Alpino e Speleologico Lombardo.

Il secondo giorno di ricerche

Proseguono senza sosta le ricerche sul Moregallo. Nella mattinata di venerdì 11 marzo le squadre di soccorso sono tornate in azione a Valmadrera per cercare l'anziano di 87 anni disperso sulla montagna. Nel pomeriggio di è iniziata la spola dell'elicottero Drago dei Vigili del Fuoco, che porta nelle zone impervie le squadre del Nucleo Saf (speleo-alpino-fluviale) e del soccorso Alpino. Nella mattinata i gruppi si sono trovati in via Leopardi per una breve riunione, dopodichè si è levato in volo anche l'elicottero della Guardia di Finanza per dare il proprio supporto.

ricerche anziano soccorso valmadrera alpino 11 marzo 2022-2

I pompieri sono scesi in campo utilizzando nuovamente anche i cani.

cinofili vigili del fuoco valmadrera 12 marzo 2022-2

In campo anche il drone e l'elicottero dei pompieri.

drone vigili del fuoco valmadrera 12 marzo 2022-2

Il primo giorno di ricerche

Senza esito la prima giornata di ricerche compiute a Valmadrera. Dalla nottata tra mercoledì 9 e giovedì 10 marzo, infatti, sono andate avanti le perlustrazioni sul Moregallo (Valmadrera) per trovare un uomo del 1934, residente nel Milanese, che ieri non è rientrato a casa dopo una passeggiata nei dintorni della città. I tecnici della Stazione del Triangolo Lariano del Soccorso alpino hanno collaborato con Carabinieri e Vigili del fuoco per tutta la giornata: le squadre hanno perlustrato il versante a lago, verso Valmadrera, e anche la parte verso Onno. In seguito alla segnalazione di alcuni avvistamenti accertati, riferiti da testimoni, l’uomo era nella parte alta della montagna e quindi le ricerche si sono intensificate soprattutto in questa direzione.

Tutta la zona inoltre è stata sorvolata a più riprese dall’elicottero di Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza) di Villa Guardia (Como) e dall’elicottero dei Vigili del fuoco. Nelle prossime ore si valuterà come procedere; è prevista l’attivazione di altri tecnici del Soccorso alpino, non solo dal Triangolo Lariano ma da tutta la XIX Delegazione, con l’inclusione di nuove aree e con l’esame capillare di canali e zone impervie, anche con discese in corda.

Per le ricerche è stato proposto un ingente dispiegamento di uomini e mezzi: due squadre dei Vigili del fuoco (Saf e Tas) con l'appoggio di una squadra dal distaccamento di Valmadrera, una da Varese con tecnologia Dedalo, una dal nucleo Lombardia con i droni e i cinofili. Sul posto anche i tecnici della XIX Delegazione Lariana del Soccorso alpino, oltre anche i Carabinieri. Durante la mattinata di giovedì è stato utilizzato anche l'elicottero di Areu fatto decollare da Villa Guardia (Como), mentre nel pomeriggio è sceso in campo il mezzo ‘ereditato’ dai Forestali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberto è morto per una fatalità: niente autopsia sul corpo dell'escursionista

LeccoToday è in caricamento