"Codice Rosa Bianca" in Pronto Soccorso: una stanza protetta per tutte le vittime di violenza

Il progetto dei Club Soroptimist di Lecco e Merate è attivo al "Manzoni" e al "Mandic"

Un luogo protetto, confortevole e riservato, dove sentirsi al sicuro. È il risultato, concreto, del "Progetto Codice Rosa Bianca" dei Club Soroptimist di Lecco e Merate. Una "stanza della fragilità" che trova ospitalità presso i pronto soccorso del "Manzoni" di Lecco e del "Mandic" di Merate, con una terza "sede" presso il Comando Provinciale Carabinieri di Lecco (dal 30 giugno, ndr) ed un'altra presso il Comando Carabinieri di Merate, per rispondere ad «una problematica emergente e sempre più viva», spiegano da ASST Lecco.

conferenza codice rosa bianca-2

A CHI È RIVOLTO E DI COSA SI TRATTA - Le stanze sono accessibili dal Pronto Soccorso ed accolgono tutte le vittime di violenza, persone in difficoltà, fragili: donne, bambini, disabili, anziani, ma anche uomini. Un ambulatorio non identificabile dove è possibile ricevere assistenza medica e psicologica e, se occorre, è possibile parlare con un assistente sociale o con le Forze di Polizia. «Un percorso che garantisce privacy e incolumità psico-fisica», in provincia di Lecco, come in tutta Italia (oltre 80 le stanze attive sul territorio nazionale).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria a Olginate, morto l'uomo colpito nell'agguato

  • Sparatoria di Olginate, Passoni: «Parenti della vittima in collera, ma serve mantenere la calma»

  • Dove gustare un buon aperitivo a Lecco

  • Agguato a Olginate, esplosi colpi di pistola: uomo in condizioni gravissime

  • Everesting completato! Diciassette ore e quarantuno minuti tra Valmadrera e Pianezzo, l'impresa di Butti e Ciresa

  • Cacciatore colto da malore: elitrasportato a Lecco in gravi condizioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento