menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dervio, dal 6 al 13 settembre le gare nazionali giovanili di barca a vela

L'assessore regionale Antonio Rossi rimarca l'importanza dello sport competitivo per i giovani

Dal 6 al 13 settembre Dervio ospiterà il meglio della gioventù nazionale dei velisti, un'occasione unica in cui il nostro lago si coprirà dei bianchi teli lanciati a gonfiarsi contro il vento. 

La manifestazioni si dividerà in due diversi appuntamenti, il primo avente in rassegna le tre diverse coppe Coppa Primavela, Coppa del Presidente e Coppa Cadetti, il secondo comprendente tutte le diverse gare dei Campionati giovanili classi in singolo, che assegneranno i titoli nazionali giovanili delle categorie Under 13, 15, 16, 17 e 19.

Gli atleti che parteciperanno alle Coppe verranno accolti dal Comune lariano il 3 e il 4 settembre, per poi iniziare le competizioni sabato 5 e concluderle martedì 8, giornata delle premiazioni presso il Parco Boldona. 

I Campionati nazionali giovanili si apriranno invece giovedì 10 per chiudersi domenica 13, le regate saranno aperte per le classi Optimist, Laser Radial (maschile e femminile), Laser 4.7 (m e f) e Techno (m e f).

In totale i due eventi, supportati da Kinder+Sport e dotati anche di una vetrina a Expo Milano 2015, vedranno la partecipazione di almeno 1.500 persone, compresi i circa 700 tra atleti, allenatori ed accompagnatori: numeri veramente notevoli, molto importanti dal punto di vista del turismo.

Presente alla conferenza stampa di presentazione delle due gare l'assessore allo Sport e alle Politiche giovanili in Regione Antonio Rossi, che si esprime così:

«Lo sport è importante per la crescita dei ragazzi. L'agonismo, il competere, il mettersi in gioco hanno un valore aggiunto per la formazione dell'individuo. L'adrenalina, la tensione e le emozioni che si provano prima della gare- sono come quelle che si sentono prima di affrontare le grandi prove della vita: un'interrogazione, la maturità un esame universitario. I bambini, fin da piccoli, anche in modo giocoso, imparano a superare i propri limiti, a dare il meglio di se stessi e ad affrontare le grandi prove della vita».

«Come Regione Lombardia - conclude Rossi - abbiamo approvato misure rivolte ai giovani e alla pratica sportiva. Penso alla "Dote Sport", che destina 200 euro a quei bambini che vivono in famiglie che si trovano in condizioni disagiate e per il quale l'abbandono della pratica sportiva diventa un rischio concreto. La Regione - continua l'assessore - intende dare un contributo anche ai vari comitati regionali. Mi sono reso conto, infatti, che le Federazioni hanno pochi soldi per fare le attività e il rischio è quello che i ragazzi tendano ad abbandonare la pratica sportiva non seguendo, magari, modelli come Leo Callone, il 'Caimano del Lario', cui faccio gli auguri miei e di Regione, per i settant'anni. E complimenti al sindaco per le infrastrutture cicloturistiche che sono state realizzate e che hanno valorizzato il turismo, anche sportivo, intorno al lago di Como. Ricordo che nella nostra regione si svolge il 25% dell'attività sportiva regionale, e sono convinto che eventi come questo portino a percentuali addirittura maggiori».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento