menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Dopo le sassaiole, chiederemo a Trenord i doppi vetri laterali sui locomotori»

Luca Beccalli, macchinista a Lecco e rappresentante del sindacato Orsa, illustra a LeccoToday le richieste dei lavoratori all'azienda dopo i recenti episodi di violenza

«Martedì chiederemo a Trenord di rinforzare le misure di sicurezza a bordo dei treni per garantire l'incolumità dei macchinisti. In particolare attraverso l'installazione di vetri laterali doppi nei locomotori».

La sconcertante escalation di episodi di violenza contro i convogli ferroviari, con vandalismi, tentativi di incendio e soprattutto sassaiole, non ha lasciato passivi i lavoratori di Trenord né le rappresentanze sindacali. La situazione è ormai insostenibile, e la goccia che ha fatto traboccare il vaso è il ferimento alla testa di un macchinista - colpito da un sasso - la scorsa settimana tra gli scali di Greco Pirelli e Sesto San Giovanni, sulla linea Milano-Lecco-Tirano.

Colpito un macchinista a Greco

«Come organizzazioni sindacali - spiega Luca Beccalli, macchinista a Lecco e rappresentante di Orsa Ferrovie, il sindacato più gettonato tra i lavoratori di Trenord - chiederemo di aumentare le misure di sicurezza per il personale e per i viaggiatori. Se i vetri frontali dei locomotori sono rinforzati, quelli laterali sono soltanto più larghi. È la parte più debole di ogni singolo treno, perché vengono abbassati e alzati a ogni fermata».

I treni di ultima generazione montano tutti vetri rinforzati, mentre quelli più vecchi non offrono - considerati gli ultimi sconcertanti avvenimenti - una protezione sufficiente. «Chiederemo di adeguarli per evitare il ripetersi di questi episodi che si sono susseguiti, perché settimana scorsa, dopo l'episodio di Greco, sono stati tirati sassi ad altri treni in transito. Ci lascia stupiti il fatto che si possa prendere di mira i treni. La sfortuna ha voluto che un macchinista fosse colpito, per fortuna senza gravi conseguenze e con una veloce macchina dei soccorsi».

Al di là delle misure di sicurezza, l'auspicio è che sulle sassaiole possa essere fatta luce nel più breve tempo possibile. «Il personale è preoccupato, anche se ovviamente non è possibile fermarsi, i treni devono essere garantiti - prosegue Beccalli - Insospettisce che accada in pieno giorno, e sempre tra Greco e Sesto, in una zona specifica, tra l'altro frequentata a maggioranza da studenti. Confidiamo nel lavoro delle forze dell'ordine, che già sono riuscite a individuare chi aveva cercato di appiccare incendi a bordo dei convogli». 

Sull'App di Trenord il "chiama 112"

Il problema, per Trenord, è doppio, in quanto alle prese anche con problemi di risorse umane (e non solo). «Noi abbiamo già chiesto di aumentare il numero di addetti alla sicurezza, ma mancano i fondi e il personale - conclude il rappresentante di Orsa Ferrovie - Abbiamo invocato una maggiore presenza a bordo, per esempio raddoppiare il numero dei capitreno su ogni singolo convoglio, e anche della vigilanza. Ma si stima che in Lombardia la carenza di organico sia di 250 unità, 150 macchinisti e 100 capitreno, per poter pareggiare le esigenze del lavoro quotidiano».


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento