Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Sciopero dei metalmeccanici, altissima l'adesione dei lavoratori lecchesi

Percentuali di adesione nelle aziende lecchesi oltre il 75%, in alcuni casi oltre il 90%; sono trecento i lavoratori del territorio in corteo a Milano

È altissima l'adesione dei lavoratori lecchesi allo sciopero indetto da da Fiom-Cgil: oggi 14 novembre i lavoratori metalmeccanici del centro nord si mobilitano contro il "Jobs act", la riforma del mercato del lavoro a cui sta lavorando il Governo Renzi.

Sono 300 i metalmeccanici lecchesi che stamattina, a bordo di 6 autobus, sono partiti pr unirsi al corteo milanese, ma moltissimi sono i lavoratori che hanno deciso di non presentarsi al lavoro.

I dati di Fiom Lecco sulle aziende monitorate dimostrano quanto sia sentito questo problema nel nostro territorio: è stata di ben oltre il 90% l'adesione dei lavoratori alla Mt di Sirone, all'Itla di Oggiono e alla Casartelli di Galbiate, azienda che ha deciso direttamente di restare chiusa nella giornata di oggi; il 90% dei lavoratori sta scioperando alla Lafranconi di Mandello e alla Colombo e figli di Abbadia.

Oltre l' 80% degli operai ha incrociato le braccia all'Italforge a Lecco, alla Moto Guzzi e alla Carcano di Mandello, mentre il 75% sciopera alla Vmt di Civate e alla Fiocchi munizioni di Lecco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero dei metalmeccanici, altissima l'adesione dei lavoratori lecchesi

LeccoToday è in caricamento