menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
carlo Rusconi, presidente del direttivo benzinai

carlo Rusconi, presidente del direttivo benzinai

Sciopero benzinai: le ragioni della protesta

Il presidente Carlo Rusconi spiega la protesta: "La colpa è della politica delle compagnie"

Si è concluso alle 7 di giovedì 19 giugno lo sciopero di 24 ore dei gestori degli impianti di distribuzione di carburante indetto a livello nazionale da Figisc/Anisa (Federazione italiana gestori impianti stradali carburanti e  Associazione nazionale imprese servizi autostradali) Confcommercio, Faib (Federazione autonoma italiana benzinai) Confesercenti e Fegica (Federazione italiana gestori carburanti e affini) Cisl. 

Il presidente dei distributori di carburante di Confcommercio Lecco, Carlo Rusconi, spiega: “L’andamento dello sciopero dal nostro punto di vista è stato positivo: c’è stata una buona adesione. Sul territorio provinciale sono rimasti aperti i distributori senza logo e pochi altri. Siamo consapevoli dei disagi arrecati agli automobilisti, ma questa è l’unica strada per farci ascoltare e per far valere le nostre ragioni. La causa dei problemi vissuti dalla categoria è legata alla condotta commerciale delle compagnie che vendono ai gestori – in forza del vincolo di esclusiva - i carburanti a prezzi che sono 16/22 centesimi al litro più elevati di quelli praticati alle pompe bianche”. 

Dura la presa di posizione assunta a livello nazionale da Confcommercio: “La categoria è ormai ridotta allo stremo: migliaia di gestori in tutta Italia sono già falliti o stanno abbandonando gli impianti, con un ulteriore duro colpo ai livelli occupazionali. La causa di tutto questo è la persistente condotta commerciale delle compagnie. Chiediamo che si ponga rimedio alla clamorosa ingiustizia della discriminazione dei prezzi che assegna tutti i vantaggi ad una sola parte contraente, quella più forte: il vincolo di esclusiva per il gestore deve essere controbilanciato da un corrispondente vincolo per le compagnie a praticare prezzi di cessione in maniera equa per il prodotto che viene venduto sulla rete sullo stesso bacino territoriale di utenza. Un beneficio per gli stessi automobilisti consumatori”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento