Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Valmadrera

Soccorso Alpino, fine settimana con tanti interventi: quattro in poche ore tra Valmadrera e Valsassina

Tecnici operativi nel corso di tutta la giornata per soccorrere escursionisti in difficoltà

Domenica di grande lavoro sui monti lecchesi: diversi interventi hanno impegnato i tecnici della XIX Delegazione Lariana del Soccorso Alpino. A Valmadrera una ragazza di 21 anni è scivolata nel greto del fiume mentre si trovava nella zona del Sentiero delle Vasche. Ha riportato alcuni traumi; sono intervenute le squadre del triangolo Lariano e del Centro operativo del Bione, con sette tecnici e due infermieri e il Saf dei Vigili del fuoco. La ragazza è stata valutata dai sanitari, imbarellata e recuperata mediante contrappeso per una cinquantina di metri. Poi è stata trasportata lungo il sentiero per circa 40 minuti fino all’ambulanza.

Soccorso Alpino Cnsas Valmadrera 1-2

Al lavoro in Valsassina

Altri tre interventi per la Stazione di Valsassina e Valvarrone: verso le 11 una donna di 90 anni ha avuto un malore in una baita d’alpeggio, all’Alpe Rasga, a una quota di 1200 nel comune di Premana. Alle 16 all’Alpe di Paglio, a 1600 metri, nel comune di Casargo, una donna di 37 anni si infortunata a causa di una caduta. In entrambe le operazioni è intervenuto l’elicottero di Areu (agenzia regionale emergenza urgenza) decollato da Como e le squadra territoriali della Stazione sono state attivate per dare assistenza all’équipe dell’elisoccorso. L’ultimo intervento alle ore 16:50, nella zona dei Piani di Bobbio, comune di Barzio. Tre escursionisti, due giovani e un uomo di 60 anni, avevano deciso di compiere una uscita di un paio di giorni tra Bobbio-Artavaggio e il Resegone. I familiari di uno dei due ragazzi però si sono allarmati perché non riuscivano a mettersi in contatto e, allora, verso le ore 16:30 hanno deciso di chiedere aiuto. La centrale ha attivato una decina di tecnici della Stazione di Valsassina e Valvarrone per le ricerche. Dopo alcune ore e vari accertamenti, li hanno rintracciati: avevano cambiato itinerario e si erano diretti in tutt’altra zona. In questi casi, è importante avvisare, prima possibile, che si intende cambiare destinazione e indicare sempre dove ci si trova.

«Le ricerche di persone disperse infatti richiedono uno sforzo operativo notevole, con impiego di soccorritori e di mezzi: per questo è indispensabile avere senso di responsabilità, per non distoglierli da situazioni di reale necessità», spiega il Soccorso Alpino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soccorso Alpino, fine settimana con tanti interventi: quattro in poche ore tra Valmadrera e Valsassina

LeccoToday è in caricamento