Grignone: quattro escursionisti in difficoltà, intervengono pompieri e Soccorso Alpino

Ennesimo recupero dei tecnici in alta quota: «Chi va in montagna dev'essere preparato»

Sabato 8 febbraio verso le ore 14:00, la Stazione di Valsassina - Valvarrone del CNSAS è stata contattata dai Vigili del fuoco di Lecco per recuperare quattro escursionisti in difficoltà sul sentiero che porta al rifugio Bietti, in Grigna Settentrionale. I quattro ragazzi, tutti residenti in provincia di Milano, tra i venti e i trent’anni, erano partiti dal parcheggio del Cainallo e poi si sono avviati in direzione del rifugio Bietti. Dopo avere oltrepassato la bocchetta di Prada, nell’attraversare un canale innevato si sono bloccati, incapaci di proseguire, anche a causa di un’attrezzatura non adeguata - senza scarpe adatte, senza ramponi e senza piccozze. 

Raggiunti a piedi da quattro tecnici della Stazione, insieme con due SAF dei Vigili del fuoco, sono stati equipaggiati, imbragati e legati, infine riaccompagnati al parcheggio. Erano tutti illesi, senza necessità di un controllo medico. Mentre l’intervento stava terminando, verso le 17:35, altro allertamento da parte della Centrale SOREU di AREU, per due escursionisti che avevano perso l’orientamento sul sentiero del Viandante, tra Lierna e Varenna. Stava diventando buio, non avevano torce elettriche e allora hanno chiesto aiuto.

Una volta individuati tramite la posizione GPS e le coordinate, è stato deciso di fare intervenire la squadra del Centro Operativo del Bione, più vicina per il recupero. In poco tempo, i soccorritori li hanno localizzati, recuperati e accompagnati alla stazione ferroviaria. L’intervento si è concluso intorno alle 19:00. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In pochi giorni, solo in Valsassina sono stati recuperati sette escursionisti in difficoltà: se, da un lato, di positivo c’è il fatto che tutti erano illesi, dall’altro è bene ribadire che il CNSAS è preposto ad andare in aiuto soprattutto a persone che hanno bisogno di soccorso sanitario. «Chi va in montagna deve essere preparato, consapevole del percorso, delle condizioni meteorologiche, delle proprie capacità; deve essere ben equipaggiato, con le scarpe giuste e gli strumenti più adatti per il luogo e la stagione», ricorda il Soccorso Alpino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba ha fretta di nascere, donna partorisce nel tunnel del Monte Barro

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Coronavirus, il punto: nessun caso di positività nel Lecchese, boom di guarigioni

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento