menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto FB/@SoccorsoAlpinoSpeleologicoLombardo)

(foto FB/@SoccorsoAlpinoSpeleologicoLombardo)

Soccorso Alpino, sempre più donne tra gli "angeli" della montagna

La componente femminile, seppure - per ora - in numero di molto inferiore rispetto a quella maschile, è presente in diversi ambiti del CNSAS

C'erano (anche) due donne (il medico rianimatore e un tecnico, ndr) tra i 7 soccorritori della XIX delegazione Lariana che - domenica 16 ottobre - sono intervenuti in Grignetta per salvare un alpinista bergamasco precipitato nella zona del Gruppo del Fungo.

«Entrambe, è doveroso sottolinearlo, hanno avuto un ruolo significativo nello svolgimento delle operazioni», sottolineano i tecnici del CNSAS.

La componente femminile, seppure - per ora - in numero di molto inferiore rispetto a quella maschile, è presente in diversi ambiti del Corpo; «sono sempre di più infatti le ragazze che entrano a far parte della struttura, come medici o sanitari specializzati nel soccorso in montagna, come unità cinofile per la ricerca in valanga o in superficie, in forra, nel soccorso speleologico e anche in quello strettamente alpino».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Lecco, la zona arancione è in vista: si sbilancia anche Fontana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento