menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sondaggio | Treni e stazioni: cosa fareste per aumentare la sicurezza?

Furti, rapine, scippi, aggressioni, spaccio, pestaggi, minacce, lancio di sassi: la cronaca disegna uno scenario desolante per pendolari e personale di Trenord. Diteci la vostra

Una situazione desolante. E preoccupante. Le notizie di cronaca di cui quotidianamente rendiamo conto hanno sempre più spesso come teatro i treni e le stazioni.

Spiombata la porta sul Lecco-Milano

Negli ultimi mesi si è perso il conto: furti, rapine, scippi, aggressioni, spaccio di stupefacenti che hanno coinvolto i pendolari. E poi pestaggi, minacce e lancio di sassi che invece hanno visto come vittime i dipendenti di Trenord tra capitreno e macchinisti.

Trenord: 80 nuovi macchinisti e 80 capitreno

Il problema è sotto gli occhi di tutti ed è naturalmente sotto l'attenzione delle forze dell'ordine, che stanno facendo moltissimo in proporzione alle forze numericamente disponibili, mettendo in atto anche numerosi servizi di prevenzione. La stessa Trenord ha annunciato l'ingresso in servizio nel 2018 di 80 macchinisti e 80 capitreno che consentiranno di aumentare la presenza del personale a bordo dei convogli ferroviari. La questione sicurezza del trasporto pubblico è al vaglio inoltre della Regione Lombardia.

«Aggressioni, minacce: ecco com'è fare il capotreno»

I nostri lettori - tra i quali tantissimi pendolari - sono da sempre molto attenti e sensibili sull'argomento. Proponiamo allora un sondaggio sulla problematica, chiedendo di esprimere una preferenza sulle iniziative che si ritengono più idonee a contrastare il dilagare della delinquenza e della microcriminalità sui treni e nelle stazioni. Naturalmente si tratta di semplici ipotesi (e che, idealmente, sarebbero auspicabili tutti insieme) per tastare le opinioni dei lettori.

Queste le opzioni del sondaggio: implementare la videosorveglianza a bordo dei treni e nelle stazioni; aumentare numericamente la vigilanza privata sui treni; aumentare i servizi di prevenzione delle forze dell'ordine sui convogli; allestire presidi permanenti di vigilanza privata nelle stazioni; fornire al personale ferroviario strumenti per l'autodifesa (esempio: spray al peperoncino); nessuna, sono sufficienti gli sforzi già messi in atto.

Le regole per votare (trovate il sondaggio in coda all'articolo) sono sempre le stesse: è possibile esprimere un voto per ciascuna rete internet utilizzata. 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecco usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Furti, scippi, aggressioni, spaccio: i treni e le stazioni nel mirino della delinquenza. Quale scegliereste fra queste possibili iniziative per incrementare il livello di sicurezza?

Capitreno e viaggiatori sono nell'occhio di rapinatori e violenti, che hanno dato vita a parecchi episodi nel corso degli ultimi mesi



Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento