menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio lungo la Provinciale di Brivio: fermati in due, scattano un arresto e una denuncia

Nei guai un italiano e un marocchino, entrambi residenti all'interno del territorio lecchese

Nel pomeriggio di domenica 17 gennaio due pattuglie della Polizia di Stato, facenti parte della Sezione Polizia Stradale di Lecco e della Sottosezione della Polizia Stradale di Bellano, nel corso di un servizio finalizzato al contenimento dell'emergenza epidemiologica legata al Covid-19, hanno proceduto all’arresto di E.A.M., 29enne marocchino, con l'accusa di detenzione di sostanza stupefacente a fini di spaccio, e denunciato all’autorità amministrativa F.S., italiano 44enne, entrambi residenti nel Lecchese.

Nella circostanza i due soggetti, fermati a bordo di un’autovettura sulla Strada Provinciale 342 nel territorio comunale di Brivio, non hanno fornito ai poliziotti alcuna valida giustificazione in merito al loro spostamento.

Nel corso del controllo sono state rinvenute due dosi di cocaina addosso all'italiano per un peso complessivo di circa un grammo, mentre il marocchino è risultato in possesso di un panetto di hashish dal peso di circa ventisei grammi, di 645 euro, verosimilmente provento dell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti, nonché di due telefoni cellulari utilizzati per mantenere i contatti con i clienti.

Spaccio a Brivio: un arresto e una denuncia

Le indagini attivate dai pattuglianti hanno permesso di ricostruire che le due dosi di cocaina erano state cedute poco prima dal marocchino all’italiano dietro il compenso economico di ottanta euro. Per questo motivo gli agenti hanno tratto in arresto E.A.M., mentre F.S. è stato segnalato all’autorità amministrativa per la detenzione di sostanze stupefacenti finalizzata all’uso personale, con conseguente ritiro della patente di guida. Infine, nei confronti di entrambi è stata elevata una contravvenzione ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 4 c. 1 D.L. nr. 19/2020 per essersi spostati fuori dalla propria residenza senza una valida motivazione.

Nella mattinata di lunedì 18 gennaio l’arresto di E.A.M. è stato convalidato e nei confronti del medesimo il Giudice ha disposto l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento