menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Non è droga, ma cardioaspririna»: arrestato presunto spacciatore attivo nell'Alto Lago

L'uomo ha tentato di giustificarsi davanti ai carabinieri, che in tutta risposta l'hanno ammanettato e portato in carcere

Un uomo di 58 anni di Sorico è stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Gravedona ed Uniti per spaccio di droga in Alto Lago, nei paesi di confine tra le province di Como, Sondrio e Lecco.

L'indagine

L'arresto è arrivato nell'ambito dell'indagine denominata "Cardioaspirina" (dalla scusa addotta dall'uomo per giustificare quanto trovatogli addosso dai carabinieri durante una perquisizione), coordinata dal Sostituto Procuratore Alessandra Bellù e condotta dai carabinieri- che ha avuto inizio nel mese di giugno 2018.

Cercano di vendere droga ai poliziotti: in manette due spacciatori

L'arresto

L'arresto del 58enne, G.C. le sue iniziali, è avvenuto la sera della vigilia di Natale, quando l'autorià giudiziaria lariana, dopo le indagini dei carabinieri di Gravedona ha emesso l'ordine di custodia cautelare in carcere nei confronti dell'uomo. 
E' quindi scattato il blitz, già preparato nei mesi scorsi: durante l'operazione i militari hanno sequestrato 6,5 grammi di cocaina, già suddivisa in dosi pronte per lo spaccio del periodo delle festività di fine anno, due bilancini elettronici e materiale vario per il confezionamento della sostanza stupefacente. 
L'uomo è stato portato al carcere Bassone di Como a disposizione dell'autorità competente.

La notizia su QuiComo.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento