rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Spaccio sulla Provinciale / Valsassina / Strada Provinciale 63

Altro spaccio tra Morterone e Ballabio: “Clienti anche giovani, li rovinano”

La zona è tristemente nota per essere tra le preferite degli spacciatori di droga

La Strada Provinciale 63 torna a riempire le cronache lecchesi. Questa volta, com'è capitato già in altre occasioni, il tema è quello dello spaccio di droga, che in Valsassina, così come avviene in Brianza, è favorito dalla presenza di grandi boschi che possono permettere ai malintenzionati, oltre che agli acquirenti, di nascondersi in maniera quasi infallibile. Gli ultimi precedenti risalivano al 2019, 2018 e 2016, ma sembra essere in ripresa.

droga valsassina 7 aprile 20220-2
Carabinieri al lavoro in Valsassina contro la droga

Alcuni spacciatori sono stati sorpresi durante le scorse serate dal sindaco di Ballabio Giovanni Bruno Bussola e dal consiglie reregionale bergamasco della Lega Alex Galizzi: i due hanno individuato alcuni malintenzionati che si nascondevano nei boschi, facendo leva su alcune segnalazioni fatte arrivare dai cittadini al sindaco, Galizzi ha utilizzato un drone di sua proprietà per verificarne la presenza e a quel punto è scattato l’intervento dei carabinieri che hanno sequestrato un bilancino di precisione e il necessario per confezionare dosi di droga. “Purtroppo gli spacciatori, complici le tenebre, sono riusciti a fuggire - ha spiegato Galizzi -. Appena ci hanno visti sono fuggiti rotolando in una scarpata ma li ho visti chiaramente. Erano in due”, secondo il consigliere “probabilmente di origine marocchina; hanno abbandonato un bilancino di precisione e il pasto che stavano consumando. Ringrazio il sindaco Bussola per avermi segnalato questo problema, oltre ai carabinieri che sono prontamente intervenuti. Questa volta sono riusciti a scappare, ma la prossima volta non saranno così fortunati. Bisogna stanarli e prenderli”.

Alex Galizzi-2
Alex Galizzi

“I clienti degli spacciatori sono anche giovani”

Il sindaco Bussola ha spiegato che “non possiamo permettere che questi personaggi abbiano la meglio, scappando e continuando a rovinare i nostri ragazzi; dalle segnalazioni ricevute, infatti, si parla anche di clienti in giovane età. Come Comune vigileremo insieme alle Forze dell'Ordine, oltre a intervenire per la pulizia ed il degrado creato da questi malviventi. Linea dura per tutelare i nostri giovani ed il nostro territorio, questa è la linea della nostra amministrazione comunale”.

presentazione interventi ed eventi resinelli 21 maggio 20213 Giovanni Bruno Bussola-2
Giovanni Bruno Bussola

Alex Galizzi, che è anche vicepresidente della commissione Antimafia in Regione Lombardia, ha ricordato “come l’indagine sul consumo e il traffico di stupefacenti nella nostra regione”, da lui messa in piedi, non solo fotografa l’attuale situazione e le pesanti conseguenze che ne derivano ma fornisce anche delle linee guida sulle possibili soluzioni concrete da intraprendere per arginare il fenomeno. “Una di queste è sicuramente dotare le forze dell’ordine di strumentazioni adatte a rintracciare la presenza dei pusher - ha concluso il leghista -, utilizzando anche unità cinofile dislocate sul territorio. Avendo dei cani, la scorsa notte gli spacciatori saremmo riusciti a prenderli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altro spaccio tra Morterone e Ballabio: “Clienti anche giovani, li rovinano”

LeccoToday è in caricamento