Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sperone di roccia sulla SP72 a Mandello, la messa in sicurezza passa dalla Regione

La perizia affidata al geologo conferma l'instabilità. Il sindaco Fasoli: «Chiederemo un contributo al Pirellone, l'intervento è importante. Tempistiche? Forse nel 2020»

 

Il versante sopra la SP72, in zona Canottieri Moto Guzzi, è pericoloso. A confermarlo è la perizia richiesta dal Comune di Mandello. Lo sperone di roccia cui i mandellesi, e i tanti fruitori dell'arteria viabilistica a lago, guardano sempre con un certo timore, è instabile e le reti paramassi, collocate da tempo immemorabile, potrebbero non bastare più.

«La perizia ha confermato ciò che già immaginavamo - commenta il sindaco Riccardo Fasoli - Questo lavoro lo avevamo messo in preventivo nel medio-lungo periodo. Ora siamo chiamati a programmarlo, ma bisogna essere consci che siamo legati ai fondi di Regione Lombardia. Sappiamo che per questo tipo di intervento le risorse vengono messe a disposizione dal Pirellone, per cui faremo richiesta: si tratta di diverse centinaia di migliaia di euro».

Mettere in sicurezza lo sperone sotto San Giorgio è una priorità. Eventuali frane, oltre a costituire un rischio mortale, rischierebbero di paralizzare la circolazione isolando di fatto Mandello soprattutto per quanto concerne i mezzi pesanti, che sarebbero costretti a utilizzare la SS36 ma facendo il giro fino a Colico, non potendo la rampa di Bellano sopportare un certo tipo di carico. Il traffico andrebbe velocemente in tilt. «Due anni fa fummo fortunati - continua Fasoli - Ci fu un distaccamento ma ce la cavammo con la chiusura della strada per due giorni, durante un weekend».

Assenza di informazioni "storiche" sulle reti paramassi

I lavori non si annunciano semplici, e potrebbero durare a lungo. «Cercheremo ovviamente di farli svolgere in orari notturni - precisa il primo cittadino mandellese - C'è da mettere in completa sicurezza l'intero versante roccioso, togliendo le vecchie reti paramassi, quelle più grosse e quelle più fini, rimuovendo i sassi pericolanti e ripulendo l'area verde soprastante che può incidere sulla stabilità complessiva. Infine dovranno essere ricollocate le reti. Purtroppo un aspetto che ci penalizza è l'assenza di informazioni riguardo le attuali reti paramassi, perse nei vari passaggi di competenza tra Anas, Provincia di Como e Provincia di Lecco. Non sappiamo nemmeno quanti anni abbiano».

Tempistiche per i lavori? Fasoli non può dare certezze, ma quanto meno auspici. «Prima dovremo capire gli aspetti del finanziamento - chiosa - Sicuramente l'intervento andrà fatto durante la stagione più calda. Quasi impossibile farlo entro quest'anno, per cui direi che sarà più probabile calendarizzarlo per il 2020».

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento