Cronaca rongio

Mandello, sposi fuggono dal ricevimento senza pagare il ristorante: nessun risarcimento nella sentenza

Il Tribunale ha disposto 20 giorni di carcere per lo sposo e nessuna pena pecuniaria, perché l'uomo è nullatenente

La sala del ristorante (foto hotelalverde.com)

È amara la sentenza per i titolari del ristorante "Al Verde" di Mandello del Lario, parte lesa nel processo contro la coppia di sposi che nel 2012 aveva terminato il ricevimento di nozze dileguandosi senza pagare: il Giudice ha infatti disposto 20 giorni di carcere, con pena sospesa, per il marito, ma senza disporre alcun risarcimento nei confronti dei ristoratori.

Il fatto risale a tre anni fa: una coppia in procinto di sposarsi prenota un pranzo completo di matrimonio a distanza di un mese, con 77 ospiti e al termine della festa, al momento di pagare, gli sposi si rendono irrintracciabili, lasciando un conto da saldare di circa 3500 euro.

I titolari dell'esercizio si sono quindi rivolti ai carabinieri i quali, indagando, sono riusciti a risalire a uno dei due coniugi: l'uomo è risultato nullatenente e nullafacente, e per questa ragione il processo si è concluso senza richiesta di risarcimento. 

Una decisione che ha lasciato, appunto, l'amaro in bocca a Riccardo De Marcellis, titolare dell'albergo ristorante "Al Verde": «Non mi importa che quest'uomo sia stato condannato al carcere - ha dichiarato, raggiunto telefonicamente - avremmo voluto che ci fosse riconosciuto un minimo di risarcimento per il danno che ci è stato arrecato. Nemmeno la sua famiglia ha voluto saperne nulla, però quando si è trattato di venire a mangiare al ricevimento c'erano tutti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mandello, sposi fuggono dal ricevimento senza pagare il ristorante: nessun risarcimento nella sentenza

LeccoToday è in caricamento