menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto di repertorio)

(Foto di repertorio)

Sputi, petardi e insulti contro i vigili: denunciati 28 ragazzini

Follia a Sesto San Giovanni: intervenuti per placare gli schiamazzi in piazza, gli agenti sono stati oggetto di minacce e del lancio di due petardi contro la pattuglia. Il "branco" non si è placato nemmeno all'arrivo delle forze dell'ordine

Dopo la stupida "bravata" dei ragazzini sdraiati sull'asfalto a sfidare le auto in transito, un altro episodio, molto più grave, ha per protagonisti un gruppo di giovani.

Folle gioco ad Agrate: ragazzi in terra sfidano le auto

A Sesto San Giovanni, mercoledì, decine di ragazzi hanno concluso la propria serata cantando e urlando sotto i palazzi, minacciando apertamente gli agenti della Polizia locale intervenuti sul posto, in Piazza della Resistenza, su richiesta dei residenti. All'arrivo dei "ghisa", infatti, alcuni ragazzi hanno cominciato a sputare, aizzando gli altri contro gli agenti. Due giovani sono stati così identificati e denunciati, ma proprio in quel momento l'equipaggio della Polizia locale è stato accerchiato dal "branco", che ha fatto esplodere un petardo a pochi metri. Qualche istante dopo ne è stato lanciato un secondo proprio sotto la pattuglia. A quel punto i vigili hanno chiesto aiuto a Esercito, Polizia e Carabinieri. Nemmeno l'arrivo delle forze dell'ordine ha però calmato i ragazzi, che hanno continuato a insultare gli agenti prima di scappare. Nella fuggi-fuggi sono stati fermati comunque in ventotto, tutti fra i quattordici e i vent'anni, identificati e denunciati. 

Il sindaco: «Episodio grave e inaccettabile»

Durissimo il commento del sindaco di Sesto Roberto Di Stefano, come riportano i colleghi di Milano Today. «Ritengo particolarmente grave questo episodio - spiega - e l'atteggiamento tenuto da questi ragazzini verso uomini in divisa e forze dell'ordine. Esprimo solidarietà e la mia vicinanza agli agenti della Polizia locale, professionali ed efficienti come al solito. È inaccettabile inveire e lanciare petardi contro agenti, colpevoli solamente di aver chiesto loro di non disturbare la quiete pubblica».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento