menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto di repertorio)

(Foto di repertorio)

Perseguita, pedina e picchia l'ex compagna: 27enne in carcere

Ordinanza di custodia nei confronti di uno stalker: già colpito dal divieto di avvicinamento alla donna nel 2019, ha continuato a maltrattarla ma la 36enne ha denunciato i fatti

Perseguita la sua ex nonostante un divieto di avvicinamento: 28enne finisce in carcere. La Polizia di Stato della Questura di Lecco, nella giornata di mercoledì 15 gennaio, ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un uomo marocchino, Z.S., classe 1992, per i reiterati maltrattamenti nei confronti della ex compagna, una donna di Lecco del 1983.

Gli episodi, purtroppo, erano già noti. Il 23 novembre del 2019 l'uomo era stato colpito dal divieto di avvicinamento alla vittima per maltrattamenti in famiglia, provvedimento emesso dal GiP del Tribunale di Lecco a seguito di indagini che avevano evidenziato le violenze domestiche. 

Perseguitava l'ex, commessa della "Meridiana": fermato stalker pluripregiudicato

La donna, all'epoca, era riuscita ad allontanare il compagno dalla propria abitazione e a recarsi all'Ufficio denunce della Questura di Lecco dove aveva raccontato tutte le violenze subite. Il personale della Squadra mobile, della Sezione specializzata per la tutela delle "fasce deboli", sotto la direzione della Procura di Lecco aveva intrapreso immediate indagini per accertare quanto dichiarato dalla donna.

L'uomo non ha desistito

Nonostante il provvedimento restrittivo, Z.S. non ha rinunciato a perseguitare la sua ex compagna, continuando a pedinarla e a comparire davanti alla sua porta di casa. In un'occasione la vittima è stata bloccata e picchiata, riuscendo poi a fuggire e a denunciare l'accaduto. Anche grazie all'aiuto dei testimoni, gli agenti hanno potuto ricostruire e accertare i fatti degli ultimi giorni. 

Il Pubblico ministero non ha esitato a chiedere e a ottenere un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per lo stalker. Gli uomini della Squadra mobile lecchese hanno così rintracciato l'uomo nei pressi del suo luogo di lavoro a Cisano Bergamasco e lo hanno condotto in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento