rotate-mobile
Enorme pericolo / Centro storico / Strada Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga

Statale 36, macigni franano sulla Lecco-Ballabio. Auto colpita, due "miracolati"

Intervento dei vigili del fuoco per la verifica della situazione e la messa in sicurezza. Allertati anche i soccorsi del 118: due i feriti non gravi e soccorsi. Circolazione bloccata

Imponente frana con caduta massi sulla Lecco-Ballabio e ingresso della galleria Giulia bloccato. I vigili del fuoco sono intervenuti nel primo pomeriggio di oggi, venerdì 9 dicembre, lungo l'arteria della Statale 36 a causa del crollo di alcuni macigni sulla frequentata arteria. 

Frana sulla Lecco-Ballabio: si sale dalla "vecchia", camion in alternanza

I pompieri sono arrivati sul posto e hanno verificato la situazione dopo la caduta dei macigni sulla carreggiata. Allertati anche la Polizia stradale e i soccorsi del 118, che si sono portati sul posto con le ambulanze della Croce Rossa di Lecco e del Soccorso Centro Valsassina d'Introbio: la frana ha, infatti, colpito anche una vettura in transito. La devastante forza d'impatto dei sassi distaccatisi dal Monte Due Mani ha letteralmente squarciato le reti paramassi installate nella parte superiore della galleria e ha distrutto il muro di contenimento sottostante.

Maxi frana sulla Lecco-Ballabio (©BONACINA/LECCOTODAY e dal web)

Miracolate due persone

Stando alle prime informazioni a disposizione due persone sono rimaste ferite in modo non grave. Si tratta di due uomini di 24 e 66 anni residenti in Valsassina. I due sono scesi in modo autonomo dal furgoncino colpito dall'imponente frana. Si è trattato, dunque, di una tragedia sfiorata. La chiamata al 118 era scattata in codice rosso, con l'intervento poi proseguito in giallo.

Anche Anas ha confermato, in una nota diffusa alle ore 16, la chiusura della strada che collega Lecco con la Valsassina. "A causa di caduta di massi in carreggiata al km 6,300 all'ingresso della Galleria Giulia, la strada statale 36 racc 'Raccordo Lecco Valsassina' è temporaneamente chiusa al traffico, in entrambe le direzioni dal km 0,000 al km 9.000 - si legge nella nota dell'ente strade - I vigili del fuoco e il personale di Anas sono sul posto per la gestione della viabilità sui percorsi alternativi, per la programmazione delle operazioni di rimozione dei massi e per il ripristino della circolazione nel più breve tempo possibile e in piena sicurezza".

Frana sulla Lecco-Ballabio: le strade alternative

La frana è dunque avvenuta al confine tra i comuni di Lecco e Ballabio. Per chi si trova in Valsassina e deve scendere verso la città capoluogo, le strade a disposizione sono ora due: o la vecchia Lecco-Ballabio con transito nel rione di Laorca, oppure la Strada provinciale 62 Taceno-Brellano che conduce in zona lago e si ricollega alla Statale 36, Sondrio-Lecco-Milano. Ora, preso atto della buona notizia dei due automobilisti "miracolati", l'attenzione si sposta sui tempi per la messa in sicurezza e il ripristino della Lecco-Ballabio. I tempi non si annunciano brevi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Statale 36, macigni franano sulla Lecco-Ballabio. Auto colpita, due "miracolati"

LeccoToday è in caricamento