menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il versante sopra Gallivaggio

Il versante sopra Gallivaggio

Sei mesi dopo la frana, riaperta la Strada Statale 36 a Gallivaggio

La viabilità tra Castagneto e Lirone torna alla normalità. Lo scorso maggio la frana sul versante sopra il Santuario aveva costretto ad allestire un bypass, che ora non verrà smantellato

Strada Statale 36, sei mesi dopo torna alla normalità la situazione viabilistica tra Castagneto (al km 125,900) e Lirone (al km 127, 450). Il tratto dell'importante arteria in Valtellina riapre nel pomeriggio di oggi, venerdì, dopo un lungo periodo di chiusura.

Il provvedimento era stato preso lo scorso maggio a causa della frana sul versante sovrastante il Santuario di Gallivaggio che aveva interessato la sede stradale nel comune di San Giacomo Filippo (Sondrio). Il Centro di monitoraggio geologico di Arpa Lombardia aveva rilevato allora la possibilità di nuovi cedimenti.

Frana, lavori sulla SS36 a Gallivaggio

Le attività di messa in sicurezza del versante, da parte della Comunità Montana della Valchiavenna e della Regione Lombardia, sono terminate. Le strumentazioni installate sulla pendice garantiscono inoltre l'allertamento immediato in caso di eventuale pericolo.

È opportuno ricordare che a fine giugno Anas, in sinergia con Regione Lombardia, Provincia, Comunità montana e Protezione civile, aveva realizzato in tempo rapidi un tracciato stradale di 990 metri di bypass alla Statale che ha consentito sino a oggi i collegamenti con i comuni di Campodolcino e Madesimo rimasti isolati dalla frana.

Il bypass, informa Anas, non verrà dismesso ma potrà essere riaperto al traffico in caso di eventuali necessità o emergenze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento