Separato dalla moglie, la violenta insieme agli amici e picchia il figlio più piccolo: arrestato

A finire nel carcere di Pescarenico è stato un uomo di quarant'anni, residente a Colico. A denunciarlo è stata la stessa donna

Un uomo di quarant'anni è stato arrestato a Colico, a cavallo tra Lecchese e Sondriese, con l'accusa di aver violentato la moglie, di origini straniere, assieme ad alcuni amici e di aver picchiato uno dei figli. L'uomo, nella giornata di mercoledì, è stato arrestato dai carabinieri. L'inchiesta è stata avviata in seguito alla presentazione della denuncia effettuata dalla stessa donna che ha subito le violenze, dalla quale l'uomo si era separato da poco.

Violenza di gruppo sull'ex moglie e botte al figlio più piccolo

Sul caso, riporta l'Adnkronos, sono in corso le indagini della procura di Lecco e del tribunale dei minorenni di Milano. L'uomo è accusato di violenza sessuale di gruppo nei confronti della moglie e, inoltre, avrebbe spesso colpito anche il bambino più piccolo tra i tre avuti con l'ex consorte; indagati anche coloro che avrebbero preso parte agli obbrobbriosi atti. Il reo, un professionista, si trova rinchiuso presso il carcere di Pescarenico, rione di Lecco.

Stuprò giovane lecchese al mercato: catturato dopo cinque anni

La nota dei carabinieri

Nella scorsa settimana i Carabinieri della Stazione di Colico, a conclusione di una mirata attività investigativa, diretta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano, hanno dato esecuzione ad una Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere, emessa dal GIP di quel Tribunale, nei confronti di un cittadino italiano, residente in Colico, ritenuto responsabile di violenza sessuale di gruppo e maltrattamenti in famiglia.

L’attività investigativa condotta dai Carabinieri della citata Stazione, che ha consentito alla competente Procura della Repubblica di richiedere la misura restrittiva, ha fatto emergere elementi di responsabilità a carico dell’uomo che, tra il  novembre 2016 ed il gennaio 2017, avrebbe costretto la moglie convivente a subire diversi episodi di violenze sessuali di gruppo, a cui lo stesso partecipava.

L’uomo è inoltre accusato di aver protratto, dal 2007 al 2019, maltrattamenti in famiglia, consistenti in particolare in violenze verbali, fisiche e psicologiche, nei confronti della citata moglie, nonché, solo verbali e psicologiche, in danno di una figlia minorenne. 

Sono ancora in corso le indagini da parte dei Carabinieri tese a circostanziare compiutamente gli episodi delle violenze sessuali ed a individuare gli altri responsabili della violenza di gruppo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arrestato è al momento ristretto presso il carcere di Milano “San Vittore”, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Ferrovie, sulla Milano-Lecco debutta il treno Caravaggio: «Investimento triennale da un miliardo e mezzo»

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento