menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un successo al TTI di Rimini per Colico e l'alto lago

Alla 51esima edizione del Travel Trade Italia di Rimini lo stand della Pro loco di Colico era l'unico proveniente dal Lario

L'associazione, assieme a Viva Colico e ai Forti di Colico gestiti dal Museo della Guerra Bianca, ha presentato la propria offerta turistica globale alla più importante fiera internazionale del turismo B2B (buyer to buyer): infatti, con oltre 50mila presenze attese nei due giorni di apertura, la kermesse romagnola è l’evento clou dell’anno per il settore.

La manifestazione, in cui tutta l’industria dei viaggi (nazionale e internazionale) si riunisce per contrattare, fare networking, attivare nuovi business, ha messo in mostra oltre 130 destinazioni in sei aree tematiche: Europa, Africa, Americhe, Asia, Global Village e Italia.

Colico e l'alto lago, in questa due giorni, ha messo in mostra le proprie bellezze confrontandosi con i giganti del turismo italiano (da Roma a Venezia, da Ischia a Capri…) raccogliendo molta curiosità e interesse.

Sono stati 16 gli incontri richiesti e offerti dalla Pro Loco di Colico con i “buyer” di Irlanda, Germania, Olanda, Svizzera, Inghilterra, Danimarca, Usa e Italia in cui le associazioni rappresentate hanno presentato l'offerta legata al turismo giovane e sportivo e al turismo storico.

«Logicamente – spiega Cristina Pedrazzoli, responsabile settore turismo e promozione della Pro Loco del Comune di Colico – i tour operator non possono puntare solamente su Colico per “costruire” pacchetti viaggio che devono partire almeno da una settimana di permanenza. Ma noi puntiamo, con tutte le ricchezze del Lario orientale, a fare sistema. Proponiamo oltre ai nostri forti legati alla commemorazione per il centenario della Prima Guerra Mondiale, alla riserva naturale del Pian di Spagna, all’Abbazia di Piona, a “Colico Outdoor” (15 percorsi ciclopedonali costruiti dalla Pro Loco, n.d.r.), e a “Color Your Holiday” (brochure con tutte le bellezze colichesi), alle nostre strutture ricettive, tutte le bellezze del Lario». 

Oltre alla parte nord orientale del nostro lago spazio anche a Bellano con il suo Orrido, a Varenna con il castello di Vezio e e le sue ville, a Lecco con i Promessi sposi e il Manzoni, alla Valtellina e alla Valchiavenna.

Colico, con le sue quasi 300 camere d’albergo e gli 11 bed & breakfast, è il baricentro tra il lago e la Valtellina e mette a disposizione dei turisti 3 spiagge attrezzate (Ontano, Lido, Piona), circa 80 chilometri di ciclopedonale verso la Valtellina (da Colico a Bormio), le sue scuole sportive (2 di vela, 4 di kite e wind-surf, sup-stand up paddle surfing, 1 lago artificiale per il wake board, 1 scuola di equitazione, 1 di soft ball, 1 pista per go-kart indoor, 1 scuola di canoa), fattorie didattiche, agriturismi, camping e un’area sosta per camper. 

Per la storia europea il territorio propone un'attrazione unica: il Forte Montecchio Nord che con Forte Fuentes e la vicina Mina di Verceia sono un “unicum” per chi vuole approfondire la sua passione storica sulla Prima Guerra Mondiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento