La tragedia / Brianza

“Addio, non mi fa vedere le bimbe”: il messaggio su Facebook prima del dramma

Venerdì pomeriggio un uomo si è tolto la vita dopo aver sequestrato le due figlie

Non si era nascosto, preannunciando tutto su Facebook. Una tragedia preannunciata su Facebook quella avvenuta venerdì 5 maggio a Inverigo, alle porte del Lecchese. Maurizio, il 61enne che si è tolto la vita sparandosi, aveva scritto alcuni post dove non nascondeva la sua rabbia nei confronti della ex e la sua tristezza perché, questa la sua versione dei fatti, lei non gli permetteva "né di vedere né di sentire le mie bimbe". Una relazione finita già da tempo e non nel migliore dei modi. L'uomo era anche molto angustiato dal fatto che la ex moglie avesse una nuova relazione con un ragazzo più giovane.

“Ha distrutto la famiglia con due bambine per andare con un ragazzino, lei pensa alla sua felicità e non a quella delle figlie" e ancora "Tutti devono sapere che senza un'udienza non mi fa vedere ne sentire le mie bimbe e me le ha messe contro e addirittura le bimbe hanno il tablet bloccato così non posso più chiamarle o mandare messaggi. È lunga la lista di cose sbagliate che ha fatto, ricordatevelo”. Tutti questi messaggi - spiega QuiComo.it - risalgono a giovedì 4 maggio, il giorno prima di presentarsi a casa della ex moglie.

La ex moglie salva per miracolo

Nel pomeriggio del 5 maggio a Cremnago di Inverigo intorno alle 16.30 Maurizio ha premuto il grilletto e ha sparato alla sua ex, fortunatamente senza riuscire a ucciderla ma sfiorandola solo al viso. La donna è riuscita a scappare e a chiedere aiuto ma nel mentre lui si era barricato in casa con le figlie di 8 e 6 anni.

Lo sparo e l'arrivo dei soccorsi

La donna ferita, una 32enne, stava tornando a casa dopo il lavoro e essere andata a prendere le figlie a scuola. Non si aspettava certo di trovare il suo ex in agguato. L'uomo, secondo quanto appreso, stava per ricevere un provvedimento di divieto di avvicinamento alla donna e alle figlie. Poi la situazione è precipitata. 

Il tutto sarebbe scoppiato a causa di una discussione degenerata in un litigio, in quello che era un rapporto già compromesso. Mentre la ex moglie, dopo lo sparo, riusciva a scappare ferita al volto, il 62enne si è barricato in casa con le figlie. Una delle bambine con grande coraggio ha preso un mazzo di chiavi e lo ha lanciato dalla finestra in modo che le forze dell'ordine potessero entrare in casa. L'uomo a quel punto è andato in camera da letto e si è suicidato sparandosi. 

Sul posto i carabinieri di Lurago d’Erba e di Cantù, un’ambulanza del Sos di Lurago d’Erba, l’auto medica del Lariosoccorso di Erba e i vigili del fuoco.

Illese ma sotto shock le bambine che sono state portate al Sant'Anna insieme alla madre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Addio, non mi fa vedere le bimbe”: il messaggio su Facebook prima del dramma
LeccoToday è in caricamento