menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tiziana Cantone

Tiziana Cantone

Suicidio di Tiziana Cantone: «quanto senso di umanità stiamo perdendo»

Il commento di Francesca Bonacina, assessore alle pari opportunità del Comune di Lecco

Il suicidio di Tiziana Cantone, la giovane di Napoli protagonista - nel 2015 - di un video hot diventato virale, è tra gli argomenti più dibattuti del momento.

Il video aveva raggiunto - via web - anche la provincia di Lecco e, dopo il suicidio, nemmeno gli utenti lecchesi avrebbero risparmiato insulti per Tiziana.

Il commento - di seguito - di Francesca Bonacina, assessore alle pari opportunità del Comune di Lecco.

"Se l'è andata a cercare", "Poteva pensarci prima". Sono commenti che, legati al tragico gesto compiuto dalla giovane donna di Napoli schiacciata dall'insostenibile peso del feroce giudizio del popolo della rete, fanno pensare ... Fanno pensare con profonda amarezza alla dilagante superficialità di giudizio imperante che si fa meschina mancanza di rispetto della persona, dell'essere umano. Fanno pensare a quanto senso di umanità stiamo perdendo nella presunzione delle nostre certezze, delle nostre verità, ergendoci spesso a ruolo di giudici insindacabili (peraltro non richiesti) delle vite altrui, anestetizzati ormai anche di fronte al dolore e alla morte. Sarebbero quasi frasi da non prendere in considerazione - ho pensato - per non rischiare di dare ancora più forza alla cinica e feroce banalità di certe affermazioni .... Purtroppo non è il primo e, temo, non sarà l'ultimo caso in cui ancora una volta ci si lascia scappare l'occasione per un sano e ben più opportuno silenzio... La gravità che alberga nella leggerezza di certe affermazioni mi spinge però a lanciare un doveroso campanello d'allarme perché la denigrazione di questa donna non solo ferisce a livello personale ma ferisce la comunità tutta, laddove, non riusciamo più ad agire rispetto nei confronti di un nostro simile, nemmeno di fronte alla morte. In gioco non c'è "solo" una battaglia di genere che, come assessore alle Pari Opportunità sento il dovere di richiamare, ma il rischio di perdere il bene più grande di cui siamo portatori, la nostra umanità, la capacità di incontrare l'altro nella sua differenza, di lasciarci interrogare dalle vite altrui, senza paura di rimanere talvolta senza parole o senza risposte, perchè siamo, prima di tutto, donne e uomini che come meglio possono, condividono un tempo e una storia di vita da cui cercano di non sentirsi estranei proprio grazie all'umanità. Non abituiamoci a tutto questo, non adeguiamoci, mai!

Francesca Bonacina, assessore alle Pari Opportunità

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento