menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La stazione ferroviaria di Calolziocorte - Olginate.

La stazione ferroviaria di Calolziocorte - Olginate.

Terrore sul treno, squilibrato urla contro i bambini in gita con l'oratorio: «Vi ammazzo!»

L'uomo ha insultato senza motivo un educatore davanti ad almeno 50 ragazzini del Cre. I genitori li hanno visti arrivare in lacrime in stazione. Una mamma: «Io e la mia bimba siamo sconvolte»

«Non mi interessa se ci sono bambini, io vi ammazzo, vi ammazzo tutti!». Terrore oggi pomeriggio su un treno della Linea Bergamo-Lecco, dove uno squilibrato ha minacciato così un gruppo di volontari e ragazzini in gita ad Ambivere con l’oratorio estivo di Calolzio centro e della frazione di Foppenico.

L’aggressione, per fortuna solo verbale, è avvenuta all’altezza di Cisano. L’uomo, che sarebbe un giovane di 25/30, era visibilmente in stato di forte alterazione e quasi certamente ubriaco. Camminava nei corridoi del treno quando ha iniziato a urlare e a bestemmiare senza motivo. A un tratto un educatore del Cre di Foppenico che accompagnava i bambini - almeno una cinquantina tra i 9 e i 13 anni – lo ha guardato e gli ha chiesto di calmarsi per evitare di spaventare i piccoli. La risposta è stata ulteriori urla, parolacce e insulti all’indirizzo soprattutto del giovane. «Io dico ciò che voglio, non mi interessa niente, io vi uccido tutti!» Avrebbe tuonato  il malvivente, che secondo alcune testimonianza avrebbe anche avvicinato la mano a una tasca nell’intento di estrarre qualcosa, forse un coltello. Ma su questo nessuna conferma, armi non se ne sono viste.

L’unica certezza è che diversi bambini sono scoppiati a piangere. Per fortuna il sangue freddo dell’educatore e l’imminente arrivo a Calolzio ha evitato che la situazione potesse degenerare. Immediato l’allarme ai Carabinieri che ora sarebbero sulle tracce dello squilibrato. Per i ragazzini l’allegra gita in treno si è trasformata in un incubo, come raccontato anche dalla mamma di una bimba che ha visto l’uomo  urlare brutalmente contro i presenti sul convoglio. «Mia figlia era sconvolta - racconta la calolziese Miriam Voza un’ora dopo l’accaduto - è ancora spaventata per quelle urla e per quelle parole terribili. Mi ha raccontato di questo folle che urlava “Vi ammazzo tutti”. Mia figlia ha temuto il peggio quando ha notato nella felpa che l’uomo indossava una sporgenza, pensava che da lì quella persona potesse estrarre un’arma. In stazione ho visto i bambini scendere dal treno e molti di loro piangevano. È stata davvero un’esperienza terribile».

Uomo col machete insulta due passanti in stazione

Sul treno anche don Matteo Bartoli, coadiutore dell’oratorio di Calolzio Centro. «Io mi trovavo su un’altra carrozza quindi non sono stato testimone diretto, ma posso confermare che c’era questa persona che urlava, bestemmiava e insultava tutti davanti ai ragazzini, in particolare l’altro gruppo del Cre. Abbiamo subito chiamato i Carabinieri».

Ora toccherà proprio alle forze dell’ordine cercare di rintracciare lo squilibrato che è arrivato perfino a minacciare dei bambini. Sembra che l’uomo sia sceso proprio alla stazione di Calolziocorte dove solo una settimana fa due calolziesi erano stati insultati e aggrediti verbalmente da un'altra persona che brandiva un machete in stato di visibile alternazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento