menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Il tour delle Grigne” dal 10 al 13 luglio ad un passo dal cielo

Dal 10 al 13 luglio, professionisti e neofiti dei monti volgeranno lo sguardo alle Grigne, il massiccio più famoso tra le Prealpi Lombarde.

Il “Tour delle Grigne, a un passo dal cielo sul paradiso dei rocciatori” fa parte della seconda edizione de “In Viaggio sulle Orobie” evento organizzato dalla rivista Orobie in collaborazione con il Club Alpino Italiano Centrale, vedrà una quattro giorni intensa, dal 10 al 13 luglio, in cui professionisti e neofiti dei monti percorrere il massiccio delle Grigne, dal versante lecchese che si affaccia sul lago di Lecco.

La quattro giorni è stata preceduta dal preambolo di questa mattina dove i sedici “avventurieri” sono arrivati in treno a Lecco per poi incontrare il Sindaco Virginio Brivio al quale hanno illustrato l’iniziativa. Successivamente i partecipanti sono partiti alla volta dei Piani dei Resinelli , lungo l’itinerario descritto da Silvio Saglio con letture di Luca Redaelli. La serata di oggi si concluderà con l’incontro con i protagonisti della “Patagrigna”, le spedizioni lecchesi in Patagonia.

Sulle Grigne, su cui si sono cimentati personaggi leggendari come Cassin, Comici, Bonatti e dove sono nati i celebri Ragni, si inerpicheranno sedici, tra alpinisti, scrittori, fotografi e chef, attraversandole per onorare le montagne, la storia ed il territorio.

Tra spledide creste di roccia dolomitica, scortati dalla guida alpina Fabrizio Prina, si avventurerà un gruppo di personaggi molto vari, dove spiccheranno monumenti dell’alpinismo come Giuseppe Alippi, Nives Meroi e Romano Benet, l’atto scrittore Giuseppe Cederna, il giornalista della Repubblica Leonardo Bizzaro, il fotografo Mauro Lanfranchi, l’esperto di storia dell’alpinismo Alberto Benini, l’artista Leonardo Sangiorgi, lo storyteller e snowboarder Emilio Previtali, la fondista Awa Tometi, i musicisti Martin Meyes e Saul Casalone, la promotrice di Immagimondo Silvia Tantardini e gli chef Michele Sana e Nicola Esposito. 
 

Ad introdurre l’evento è stato Ruggero Meles: “Oggi siamo arrivati alla stazione di Lecco tramite il treno. Per noi la stazione è un luogo importante, dove la gente si ritrova o si saluta, e dove vi sono i treni che per noi alpinisti di lungo corso, sono un mezzo di trasporto

Importante ed essenziale per muoversi, che ci fa riscoprire un modo diverso di muoversi e di scoprire i luoghi.E’ proprio con il treno e dalla stazione che ha inizio questa nostra quattro giorni sulle Grigne”.

Il viaggio sulle Orobie – interviene Emanuele Falchetti  - quest’anno diventa Tour delle Grigne, dove abbiamo deciso di inserire questa bella iniziativa del treno, come modo diverso di vivere il territorio lecchese, fatto di lago, montagna. In questi tempi questo modo diverso di muoversi può diventare un valore aggiunto”. 

“Sono molto contento di aver fatto questa scelta – sottolinea Mario Curnis - perché parliamo di iniziativa bella e importante”. 

Anche Paolo Valoti interviene decantando le bellezze dei nostri luoghi: “Questo connubio e legame tra Orobie e Lecco ha come obiettivo la valorizzazione della montagna, portando la gente nel cuore di uno dei più bei luoghi rappresentativi delle nostre belle montagne”

Zerbi, Presidente CAI di Milano, chiude la serie degli interventi dei promotori: “Da milanese Le Grigne sono sempre state considerate le montagne dei milanesi. Con EXPO dal prossimo anno Milano sarà al centro del mondo e quindi questa potrebbe rappresentare un occasione per far conoscere Lecco le Grigne nel mondo”.
 
Infine il padrone di casa e cioè il sindaco di Lecco Virginio Brivio: “Di questa iniziativa mi preme sottolineare due punti. Il primo riguarda il trasporto ferroviario che in questi anni ha assunto un importanza ed una valenza sempre più importante. Uno di questi miglioramenti ha riguardato anche la linea Lecco Bergamo con l’utilizzo di carrozze sempre più nuove. Dobbiamo valorizzare il treno come mezzo di trasporto ecologico e che riduce di molto il congestionamento del traffico. Il secondo punto sta nel fatto che Lecco ha una caratteristica importante e cioè quella di avere un lago e delle montagne a disposizione di tutti, turisti e professionisti della scalata. Stiamo lavorando per valorizzare questi luoghi, ristrutturando i rifugi, ampliando l offerta. La prossima sfida che dovremo affrontare sarà il rinnovo della gara d appalto per il servizio di trasporto locale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazione anti-covid, da giovedì possono prenotarsi 22mila lecchesi

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Le Regioni non mollano Draghi: «Ristoranti aperti e coprifuoco alle 23»

  • Notizie

    Bellano: entro il 2024 il passaggio a livello sarà un ricordo

  • Attualità

    «Pullman gratis un cambio di passo concreto verso una mobilità più leggera»

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento