Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vandali sul treno fermo a Colico: individuati e denunciati cinque giovani. «Collaborazione Polfer-Locale è stata fondamentale»

I ragazzi erano già noti alle Forze dell'Ordine per via del loro passato burrascoso: pochi giorni prima avevano ricevuto un Daspo urbano per aver commesso degli atti simili nel parco del Pala Legnone

È stato individuato dai poliziotti del Compartimento Polfer della Lombardia il gruppo di giovani, composto da tre minorenni e due maggiorenni, che, nella notte tra il 9 e il 10 gennaio, si è reso autore della della vandalizzazione di un treno. Il convoglio è stato preso letteralmente d’assalto mentre stazionava nello scalo ferroviario di Colico in attesa di iniziare la sua corsa alle prime ore del mattino. I giovani, dopo aver forzato il portellone del locomotore, si sono introdotti all'interno del serpentone e, utilizzando i martelletti frangivetro rinvenuti all’interno, hanno rotto diverse vetrate e finestrini del treno.

Immediatamente dopo i giovani si sono sfogati sugli estintori e li hanno svuotati, spargendone il contenuto all’interno di diverse carrozze. Infine, non contenti, sono entrati nel locomotore dove hanno rubato le chiavi del convoglio, alcune torce di segnalazione, le lampade di emergenza e i medicinali della cassetta di pronto soccorso. Al termine dell’azione delittuosa, i cinque si sono allontanati dalla stazione accendendo una torcia di segnalazione. Le denunce sono state emesse con le accuse di danneggiamento aggravato, furto e interruzione di pubblico servizio; i danni sono stimati in migliaia di euro.

«Collaborazione fondamentale tra Polizia Locale e Polizia Ferroviaria»

Le indagini svolte dalla Polizia Ferroviaria di Lecco, come illustrato dal capo di gabinetto Andrea Atanasio, hanno permesso di identificare e deferire all’Autorità Giudiziaria tutti i giovani autori del raid vandalico, già conosciuti per fatti analoghi dalla Polizia Locale di Colico, la quale ha fornito un importante contributo alle investigazioni. Grazie agli elementi raccolti, l’Autorità Giudiziaria di Lecco ha emesso due decreti di perquisizione a carico dei maggiorenni, di cui uno sottoposto a provvedimento cautelare dell’obbligo di dimora; la Procura dei minori di Milano, invece, ha delegato la perquisizione nei confronti dei tre minorenni. I decreti sono stati eseguiti alle prime ore della mattinata odierna e hanno dato riscontri: all'interno di un'abitazione è stato rinvenuto un diario, scritto a mano, sulle cui pagine è stato rinvenuto qualche elemento descrittivo rispetto alla notte di follia del gruppetto.

«Grazie alle telecamere della stazione e alla collaborazione con la Polizia Locale siamo risaliti ai colpevoli - ha spiegato il vice commissario della Polfer Luigi Danza -. Uno dei soggetti coinvolti è stato trovato in possesso di martelletti e del manoscritto in cui è raccontato l'episodio. Non partendo, il treno locale ha causato gravi disagi ai pendolari durante quella mattintata».

«Le telecamere non bastano»

Tutti i giovani eravano gravati dal Daspo urbano emesso pochi giorni prima, quando erano stati ritenuti colpevoli di alcuni atti vandalici commessi all'interno del parco del Pala Legnone di Colico: «Come prima cosa abbiamo acquisito le immagini delle telecamere - ha riferito Edoardo Di Cesare, Comandante della "Locale" di Colico -. La videosorveglianza comunale è un ausilio più che utile e sarà implementata, ma senza la conoscenza del territorio e delle persone rimane uno strumento vuoto; grazie alla presenza costante sul territorio abbiamo potuto identificare le persone rappresentate nelle immagini della sorveglianza. Questo gruppo di giovani, insieme ad altri per un totale di venti persone, è solito stare nella zona del palazzetto, quindi è lecito pensare che abbiano commesso atti similari nei giorni precedenti. In quei giorni sono stati emessi tredici Daspo urbani: grazie a questo confronto con gli atti abbiamo dato supporto alla Polfer per arrivare a un’identificazione certa dei colpevoli».

Si parla di

Video popolari

Vandali sul treno fermo a Colico: individuati e denunciati cinque giovani. «Collaborazione Polfer-Locale è stata fondamentale»

LeccoToday è in caricamento