Altra vergogna sui monti lecchesi: divelte le Croci del Magnodeno

L'episodio è l'ennesimo di questo tipo: a Pasqua la Madonnina del Monte Barro era stata decapitata da ignoti

Le croci del Magnodeno nella loro posizione originale (Foto dal gruppo FB "Amici del Magnodeno")

Prosegue la sequenza di atti vandalici sulle montagne che circondano Lecco. Dopo la recente decapitazione della Madonnina posata al Sasso della Vecchia del Monte Barro, rinvenuta in quelle condizioni durante le Festività pasquali, è il turno delle Croci del Magnodeno. Due di esse sono state infatti divelte da ignoti e buttate nel bosco, come denunciato attraverso un post apparso sul gruppo Facebook "Amici del Magnodeno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pasqua con il vandalo: sfregiata la statua della Madonna sul Monte Barro

Divelte le Croci del Magondeno

«In questi giorni - si legge - qualche emerito imbecille ha pensato bene di staccare e buttare nel bosco 2 delle 3 croci che erano appena state sistemate sull'omonimo pizzo sulla piana del "nostro" Magnodeno. Chiedo a tutti gli amici di questo gruppo se qualcuno ha visto qualcosa e comunque se vi fosse possibile di vigilare sui sentieri. Grazie a tutti per la collaborazione!».

Vandali in azione a Castello, nel mirino i tergicristalli delle auto parcheggiate

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco in lutto per la scomparsa di Antonella: giovane madre, lascia quattro figli

  • Iperal, dipendenti in stato di agitazione: «Nessuna chiusura festiva, controlli sospesi e pochi dispositivi di protezione»

  • Coronavirus, il Presidente Attilio Fontana ha firmato una nuova ordinanza

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Lecco sono centomila

  • Civate in lutto per la scomparsa di Ambrogio Rusconi, storico commerciante del paese

  • Pazienti Covid-19 da Lecco alla Germania, il dott. Maniglia: «Ci hanno teso una mano e l'abbiamo afferrata»

Torna su
LeccoToday è in caricamento