menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Vanno a dormire all'aperto in montagna, ma si perdono: notte da incubo per due 20enni

I due si sono persi in un sentiero e sono rimasti senza telefono. Salvati dal Soccorso Alpino e dai pompieri di Bellano

Sono rimasti senza telefono, senza le attrezzature necessarie e, soprattutto, senza sapere dove fossero realmente. Ma alla fine sono stati salvati. 

Incubo, con lieto fine, per due giovani - un ragazzo e una ragazza, entrambi ventunenni di Milano -, che nella notte tra mercoledì e giovedì si sono persi sul Sentiero del Viandante, tra i sentieri sulle montagne del Lecchese.

Piace il nuovo look del Sentiero del viandante. Ed è pronta la nuova guida

Partiti da Varenna, poi la paura

I due - come raccontano gli uomini del Soccorso Alpino Lombardia - sono partiti in treno dal capoluogo e sono arrivati a Varenna per poi incamminarsi lungo il sentiero del viandante con l'obiettivo di dormire all'aperto. Poco dopo i ragazzi hanno perso l'orientamento e verso l'una di notte hanno chiesto aiuto, senza però riuscire a dare indicazioni precise sul luogo in cui si trovavano. 

Dopo un paio di telefonate, il cellulare dei giovani si è spento e i ventenni non sono più stati in grado di comunicare con i soccorritori, che alla fine - dopo quattro ore di ricerca - li hanno ritrovati a ottocento metri di quota, nel comune di Lierna e diretti verso Ortanella. 

I ragazzi erano chiaramente infreddoliti e hanno rischiato una forte ipotermia, ma erano comunque illesi. Sono stati accompagnati a valle dagli stessi soccorritori della stazione di Valsassina e Valvarrone del soccorso alpino e i vigili del fuoco di Bellano.

La notizia su MilanoToday.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Lecco: lunedì 10 aprono le prenotazioni dei vaccini per la fascia 50-59 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento