menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In viale Turati è scoppiata la polemica dopo la prima "tornata" di pulizie con annesso divieto di parcheggio

In viale Turati è scoppiata la polemica dopo la prima "tornata" di pulizie con annesso divieto di parcheggio

Viale Turati, i residenti contro l'ordinanza sulla pulizia: "E' una follia"

"Per quattro anni si è ignorato il problema e le piante ora arrivano al quinto piano dei condomini"

Come da programma, è iniziata ieri mattina alle 7.30 la sperimentazione dell'ordinanza relativa alla pulizia del viale Turati: gli addetti del comune di Lecco hanno iniziato ad operare per il primo dei dieci "cicli" previsti dall'assessore Ezio Venturini durante il mese di ottobre.

Dalle 7:30 alle 10:30 di lunedì 3, 10, 17, 24, 31 sarà infatti istituito il divieto di sosta con rimozione forzata lungo il lato destro di viale Turati (da via Parini a piazza dei Cappuccini), mentre nella medesima fascia oraria, il divieto interesserà il lato sinistro anche venerdì 7, 12, 21 e 28 ottobre."Questo intervento non sarà fine a sè stesso - aveva dichiarato l'assessore - bensì sarà allargato all'intera città con modi e tempi che saranno definiti nel dettaglio a seguito degli esiti di questa sperimentazione".

Di tutt'altro avviso sono i residenti e i commercianti della zona, che hanno fortemente criticato la scelta presa a Palazzo Bovara: "Dopo la negazione del Carnevale, un'altra bella trovata. Era già complicato trovare parcheggio prima, vista la mancanza dei garage, figuratevi ora con il divieto due volte a settimana in quelle fasce orarie". E ancora: "Così si mettono in difficoltà le attività commerciali che già fanno fatica per altri motivi. Con l'utilizzo dei soffiatori non è necessario togliere le macchine dalla strada, visto che l'aria passa anche sotto i mezzi: per fare questo lavoro, poi, ci hanno impiegato mezz'ora e non tre ore. Capiremmo se venissero tolte le cicche dalle strade, ma qui si parla solo di spostare le foglie."

Il problema, però, è antico: "Da almeno quattro anni le piante non vengono potate per mancanza di risorse economiche e gli è stato concesso di arrivare sino all'altezza del quinto piano dei vari condomini. Il viale Turati è diventato buio, gli insetti sono aumentati a dismisura, ora gli anziani sono anche costretti a parcheggiare il lungolago e a farsi tutta la salita a piedi. E poi il clima è cambiato, ora le ultime foglie cadono a dicembre."

Insomma, una bocciatura a tutto tondo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento