menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Va dalla fidanzata in auto nonostante il divieto, poi posta il video sui social: «Volevo farmi pubblicità». Denunciato

L'uomo, un trentenne, voleva «agevolare la sua carriera artistica» tramite la diffusione di una clip sui suoi profili. Il filmato, dopo la diffida, è stato rimosso

Un uomo di 30 anni, residente a Piantedo (Sondrio, confine con il Lecchese), è stato denunciato nella giornata di mercoledì 11 marzo dai Carabinieri della Stazione di Delebio per aver violato le disposizioni del Dpcm dell’8 marzo volte a contrastare l'emergenza Coronavirus, secondo il quale si possono lasciare le proprie abitazioni soltanto per motivi di lavoro o per ragioni di salute o per altre necessità, quali, per esempio, l’acquisto di beni essenziali.

L’uomo, nella mattinata di mercoledì, ha lasciato la provincia di Sondrio per recarsi nella vicina provincia di Como, precisamente a Dongo, per andare dalla fidanzata, farla salire sulla sua auto e portarla nella sua abitazione. Non contento di aver palesemente violato le norme per il contenimento del virus, si è anche ripreso con il cellullare e, durante le registrazione, oltre a vantarsi per il suo pericoloso gesto, posto in essere nonostante i numerosi posti di controllo, ha affermato anche che la ragazza era sottoposta a quarantena. Il video è stato poi pubblicato sulla pagina Facebook dell’autore e, dopo la denuncia, rimosso.

«Video su internet? Volevo farmi pubblicità»

I carabinieri si sono messi sulle tracce dell’uomo per identificare lui e la ragazza “scappata dalla quarantena”, scoprendo che effettivamente i due avevano violato le prescrizioni del decreto muovendosi, senza giustificato motivo, a cavallo di due province lombarde, ma non vi era alcuna quarantena in atto o positività.

Per entrambi è scattata quindi la denuncia per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità mentre l’uomo, che ha dichiarato ai carabinieri di volersi fare pubblicità per «diventare un personaggio ed agevolare così la sua carriera artistica», è stato denunciato anche per procurato allarme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento