menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesca Bonacina, vicesindaco di Lecco

Francesca Bonacina, vicesindaco di Lecco

Lecco, un comitato per combattere la violenza in città

Il comune ha chiesto e ottenuto dal Prefetto la convocazione del CPOSP – Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica

La continua spirale di violenza sta facendo molto discutere a Lecco. Accoltellamenti, risse e pestaggi sono all'ordine, se non del giorno in alcuni casi, della settimana. Quello più eclatante ha visto il coinvolgimento di un giovane di 26 anni, "accoltellato" con una bottiglia da due valmadresi; non sono mancate nemmeno le aggressoni ai poliziotti. Il comune di Lecco si è messo in moto per ridurre il fenomeno e ritornare a una situazione di normalità.

“La sicurezza è al centro dell’attenzione, non solo delle pagine dei giornali di questi giorni, ma anche dell’agenda dell’Amministrazione comunale che, a fronte dei fatti di cronaca delle ultime settimane, proseguirà con più azioni volte a garantire una maggior tutela dei cittadini e a contrastare situazioni di rischio presenti in città. In particolare, in seguito a quanto avvenuto mercoledì scorso in via Bovara, abbiamo immediatamente chiesto a sua eccellenza il prefetto la convocazione del CPOSP – Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica – dedicato ai recenti accadimenti e all’individuazione di misure diversificate che possano far fronte a situazioni dalle molteplici sfaccettature che rendono il tema della sicurezza una materia  da affrontare su più livelli e con la collaborazione di tutte le forze dell’ordine. Va detto chiaramente, infatti, che il Comune, con le sole forze della Polizia locale, non può affrontare fino in fondo questioni di ordine pubblico come quelle che si sono verificate. Tornando a mercoledì scorso, fin dai primi minuti dopo l’accaduto, abbiamo seguito l’evoluzione delle indagini e a poche ore di distanza dal fermo dei due responsabili del folle gesto, abbiamo voluto esprimere la nostra vicinanza nei confronti dei commercianti di via Bovara, ascoltando personalmente le loro testimonianze e raccogliendo la loro disponibilità a un confronto con l’Amministrazione per individuare, anche in raccordo con le altre Forze dell’ordine, possibili soluzioni alle problematiche segnalate", ha spiegto il vicesindaco Francesca Bonacina.

"A questo riguardo - si legge in una nota - proseguiremo con nuove misure per rendere più sicura l’area adiacente alla Biblioteca civica. Inutile negare infatti, che alla Pozzoli e nelle vie limitrofe vi siano delle frequentazioni “borderline”, ma la situazione non è mai stata sottovalutata, tanto che nei mesi scorsi, il sindaco Brivio ha indicato proprio la Biblioteca come uno dei punti sensibili da attenzionare maggiormente e da inserire nel recente provvedimento del cosiddetto Daspo urbano tuttora in vigore. Su queste problematiche bisogna agire con strategie chiare, definite e in raccordo con le Forze dell’ordine, mettendo a disposizione ognuno le proprie competenze. Ricordo, inoltre, che altre azioni erano già state adottate, tra cui l’ordine di servizio della Polizia locale che, alle prime segnalazioni, aveva intrapreso un pattugliamento quotidiano in Biblioteca, fino alle misure di controllo ancora in atto nell’ utilizzo dei bagni. E’ chiaro che questi interventi da soli non bastano più. Per questo, negli scorsi giorni, abbiamo chiesto la convocazione di un CPOSP dedicato, per chiedere da una parte la collaborazione e l’aiuto di tutte le Forze dell’ordine e dall’altra per mettere sul tavolo altre soluzioni al vaglio dell’Amministrazione comunale: a solo titolo esemplificativo potremmo valutare  un servizio privato di vigilanza all’interno della Biblioteca, l’attivazione di “unità di strada”, fino a iniziative di controllo sociale. La sicurezza dei nostri collaboratori, così come quella di cittadini e turisti, è in cima alla nostra agenda politica, insieme alle azioni di maggiore conoscenza di un fenomeno - quello dello spaccio e della tossicodipendenza - a cui la nostra città non era più abituata. Stanno infatti tornando prepotentemente sulla scena realtà che conoscevamo bene negli anni Settanta/Ottanta, ma che erano poi via via sparite. Stiamo vivendo un fenomeno complesso che ci deve far agire su più fronti, sia con azioni urgenti e repressive a cui stiamo dando priorità, sia con indagini e azioni programmatiche che ci devono accompagnare di pari passo. Anche perché, in questo momento, ci stiamo concentrando su via Bovara, ma senza adeguate politiche di prevenzione, si rischia di spostare il problema in un’altra area della città, ma non di risolverlo. Ad ogni modo, restando come si dice “sul pezzo”, ho parlato personalmente con i commercianti di via Bovara che ringrazio per il comportamento tenuto mercoledì scorso, in un clima collaborativo di attenzione al prossimo e di fiducia nelle Istituzioni, atteggiamenti questi da non dare per scontato. Con loro, ci siamo dati appuntamento per un incontro specifico sul tema durante il quale ragioneremo insieme su misure di sicurezza da adottare in modo sinergico. Oltre a ciò che possiamo fare come Amministrazione, la collaborazione fattiva dei cittadini e di chi vive una via o un quartiere ogni giorno è fondamentale per vigilare su quanto avviene in città e per prendersi cura insieme della nostra comunità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento