menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La planimetria del piano terra della futura pizzeria della legalità

La planimetria del piano terra della futura pizzeria della legalità

"Wall street": siglato il Protocollo per la pizzeria della legalità

Grazie alla sigla del protocollo d'intesa, si potrà finalmente avere una Pizzeria della legalità là dove vent'anni fa sorgeva il quartier generale del clan Trovato

Il recupero del “Wall Street”, già quartier generale del boss Franco Coco Trovatoe confiscato vent’anni fa, può finalmente prendere forma.
Con la sigla del Protocollo d’intesa, l’impegno di Aler Lecco è stato formalizzato, giovedì 26 Giugno, alla presenza del presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni, del prefetto Antonia Bellomo, del Sindaco Virginio Brivio, del commissario straordinario Aler Luigi Mendolicchio e dal presidente di Libera Terra Mediterraneo, Enrico Fontana.

Il Protocollo ha stabilito l’affidamento del progetto definitivo dell’intervento e i lavori di riqualifica dell’immobile confiscato alla malavita organizzata, che in questi anni è stato sede di archivio della prefettura e della questura, all’azienda per l’edilizia residenziale di Lecco .

L’operazione, stimata intorno ai 682mila euro (400mila dei quali di finanziamento regionale, 100mila da Palazzo Bovara e 180mila coperti dalla Fondazione Cariplo), consentirà di realizzare nell’ex ristorante di via Belfiore, la “Pizzeria della Legalità”, grazie ad un grande lavoro di squadra portato avanti con determinazione da tutti i soggetti coinvolti.

Si parla di circa 240 metri quadri distribuiti su due livelli e di un ulteriore piano sotterraneo: “Con la firma di questo Protocollo - ha sottolineato il presidente Aler Lecco, Bergamo e Sondrio, Luigi Mendolicchio –viene affidato ad Aler l’incarico di predisporre un progetto preliminare, definitivo ed esecutivo per il recupero strutturale e funzionale della “Pizzeria della Legalità”. Il progetto, prima di diventare esecutivo, saràsottoposto all’approvazione della Giunta comunale di Lecco. Dopo questa ultima valutazione, saremo direttamente coinvolti nella fase di ristrutturazione e messa a norma degli spazi, per i quali la regione Lombardia ha già messo a disposizione 400.000,00 euro, a fronte dei quasi 700.000 necessari al completamento dell’opera.”

Il complesso immobiliare si trova a Lecco, in via Belfiore 1, è un edificio variamente articolato, strutturato su due piani fuori terra ed un piano interrato.

Al piano terra è ubicato l’ingresso, angolo bar, sala ristorante e spazi destinati a servizi; al piano primo locale cucina, salone ristorante e vani utilizzati per servizi ed accessori. Dal primo piano si accede alla copertura piana, “terrazza” e a vani tecnici; al piano interrato è stato individuato un ampio parcheggio, locali accessori, vani tecnici e locali deposito.

La stima preliminare per il recupero è stata eseguita con previsione di:
- rimozione delle pavimentazioni e dei cordoli esterni in pietra, delle impermeabilizzazioni esistenti al piano terra, le pavimentazioni ed impermeabilizzazioni delle coperture (accessi, ingressi, copertura, camminamenti);
- la rimozione delle lattonerie, delle fioriere in acciaio, delle controsoffittature, degli intonaci interni ed esterni;
- il ripristino dei calcestruzzi degradati ed ammalo rati che presentato notevoli fenomeni di infiltrazioni e carbonatazione;
- la realizzazione di un bagno per diversamente abili;
- il rifacimento parziale di intonaci interni ed esterni;
- isolamento termico ed acustico della copertura, pareti e pavimenti;
- il rifacimento di tutte le impermeabilizzazioni con le relative protezioni;
- la realizzazione di nuove controsoffittature, lattonerie, pavimentazioni in pietra esterne ed interne;
- opere da fabbro per ringhiere, inferriate, parapetti in metallo;
- tinteggiature interne ed esterne;
- sostituzione di porte interne e verifica dei serramenti e delle porte esterne;
- opere di sistemazione esterne, opere da giardiniere;
- sostituzione del montavivande e del montacarichi;
- sostituzione completa degli impianti elettrici, idrico-sanitari, riscaldamento, climatizzazione;
- rimozione e rifacimento della centrale termica, della cella frigorifera.

E’ stata preventivata anche una stima di massima per gli arredi interni (cucina, banco bar) per un importo presunto di euro 55.000,00.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento