rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Proroga

Benzina, diesel e bollette: il Governo punta a nuovi sconti per imprese e famiglie

Sul tavolo di Draghi e dei ministri il taglio dell'accisa sui carburanti e gli aiuti. Il senatore Paolo Arrigoni plaude

Taglio dell'accisa fino all'estate, ma non solo. Quello dello sconto sui carburanti è una delle decisioni del Governo, che vara nuove misure per aiutare famiglie e imprese, ancora pesantemente in difficoltà per i ricari. Lo sconto è frutto del taglio delle accise sui carburanti. L'agevolazione scadeva oggi, 2 maggio, ma viene prorogata "in considerazione del perdurare degli effetti economici derivanti dall'eccezionale incremento dei prezzi dei prodotti energetici". Per il metano l'accisa sarà "a zero euro per metro cubo" e ci sarà anche una riduzione dell'Iva al 5%.

Una decisione che piace anche al senatore Paolo Arrigoni, responsabile del Dipartimento Energia della Lega: “Molto bene il taglio dell'accisa su benzina, gasolio e Gpl fino all'8 luglio. La Lega aveva depositato una mozione in Senato per sollecitare il Governo a ridurre i prezzi e oggi, dopo due importanti interventi dell'Esecutivo, l’abbattimento dell’accisa viene esteso per almeno altri due mesi. Passano anche altre richieste della Lega che da ottobre chiede l'estensione del provvedimento sul gas per autotrazione su cui finalmente è stata completamente eliminata l'accisa e l'Iva è stata ridotta al 5%. La Lega è al governo per mantenere gli impegni ed è già al lavoro per alleviare anche il peso insostenibile delle bollette per milioni di italiani”.

Doppia riunione del Consiglio dei ministri

Palazzo Chigi si nuove su due binari e due sono le riunioni del Consiglio dei ministri previste. La prima proprio sul dl energia: con la proroga dei tagli alle accise. La seconda sul decreto aiuti per imprese e famiglie per fronteggiare gli effetti della crisi Ucraina. A disposizione un "tesoretto" da oltre 6 miliardi.

Il premier Draghi, al termine della seconda riunione, terrà una conferenza stampa insieme ai ministri dell'Economia, Daniele Franco, della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, e del Lavoro, Andrea Orlando. 

Tagli alle accise

Il decreto prevede la proroga dei tagli alle accise "dal 3 maggio 2022 (domani, ndr)  e fino all'8 luglio 2022". Viene confermato per altri due mesi lo sconto di 25 centesimi rispetto all'accisa ordinaria di 728,40 euro ogni mille litri per la benzina e di 617,40 euro ogni mille litri per il gasolio. 

Le aliquote saranno:

  • per la benzina: 478,40 euro per mille litri; 
  • per oli da gas o gasolio usato come carburante: 367,40 euro per mille litri; 
  • per gas di petrolio liquefatti (GPL) usati come carburanti: 182,61 euro per mille chilogrammi; 
  • per gas naturale usato per autotrazione: zero euro per metro cubo.

Inoltre, per lo stesso periodo, l’aliquota Iva applicata al gas naturale usato per autotrazione è stabilita nella misura del 5 per cento. 

Il decreto prevede anche il potenziamento dei controlli per evitare speculazioni. "Il Garante per la sorveglianza dei prezzi si avvale anche "del supporto operativo del Corpo della Guardia di finanzia per monitorare l'andamento dei prezzi anche relativi alla vendita al pubblico dei suddetti prodotti energetici", si legge nel dl.

Bollette più leggere

Gli interventi sulle bollette, con un secondo ampliamento al tetto Isee per il bonus sociale (a 14-15mila euro) e un ampliamento del credito d'imposta per le imprese energivore e gasivore, sono il tema della seconda riunione dei ministri. 

Il difficile dialogo con i sindacati

Prima della riunione dei ministr, Draghi ha incontrato i sindacati. Il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, spiega che "sono state discusse per due questioni: come si sostiene l'emergenza economica e come rendere strutturale il confronto. Il Governo ci ha comunicato che è allo studio una norma che verrà discussa in Cdm per circa 6-7 miliardi di aiuti per famiglie e imprese. Uno stanziamento importante ma ancora insufficiente". Il sindacato chiede di tassare gli extraprofitti, reinvestire in extragettito Iva e tenere in considerazione "un eventuale scostamento di bilancio per far fronte ad una crisi che - afferma il leader Cisl -"sarà pesante e lunga".  

Di "giudizio sospeso" parla il leader della Cgil, Maurizio Landini, dopo il confronto. "Non abbiamo avuto il contenuto dei provvedimenti - spiega - è chiaro che il nostro giudizio rimane sospeso. Noi abbiamo avanzato delle richieste precise: aumentare il netto in busta paga per i lavoratori dipendenti, la decontribuzione e un bonus devono andare nella direzione di ridurre il prelievo fiscale del lavoro dipendente, intervenire sulle pensioni agendo sulla quattordicesima e sulla rivalutazione, e il bonus energia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzina, diesel e bollette: il Governo punta a nuovi sconti per imprese e famiglie

LeccoToday è in caricamento