Economia

Sbarca in Lombardia Ambaradan, la pizzeria dove il prezzo lo fa il cliente

A decidere il prezzo è il giudizio dei commensali: gli extra vanno nelle tasche dei dipendenti

Una pizza di Ambaradan (Foto Facebook)

Dalla strada sembra una delle tante pizzerie di Milano: camerieri che vanno avanti e indietro tra i tavoli con pizze fumanti appena sfornate. Nulla di speciale, all'apparenza. Ma la vera particolarità di Ambaradan arriva alla fine del pasto, al momento del conto. Già, perché nel locale di via Castelvetro (zona Gerusalemme) è il cliente a decidere il prezzo.

Funziona così: dopo aver mangiato viene consegnata al tavolo una lavagnetta con gessetto e qui, al termine di una discussione con tutti i commensali, bisogna esprimere un giudizio su come si è mangiato. Nulla di complicato, non bisogna scrivere una recensione basta una lettera: M per migliorabile, B per Buono, O per ottimo. All'atto pratico? Una margherita costa 6 euro se viene votata M, 7 se viene vuotata come "buona", 8 se il giudizio è ottimo.

E i due euro che ballano tra un giudizio e l'altro non finiscono nelle tasche del proprietario, ma andrà al personale, cucina e sala, come una sorta di mancia.

L'articolo su MilanoToday.it.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbarca in Lombardia Ambaradan, la pizzeria dove il prezzo lo fa il cliente

LeccoToday è in caricamento