menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un lavoratore straniero

Un lavoratore straniero

Supporto linguistico per la formazione degli stranieri, al via la convenzione fra Api Lecco e Cpia

Associazione piccole e medie imprese e il Centro professionale per l'istruzione degli adulti insieme per la formazione del personale

Corsi di alfabetizzazione e apprendimento dell’italiano, ma anche di informatica e di lingue straniere: questo il contenuto del protocollo sottoscritto da Api Lecco con il Cpia, Centro di formazione professionale per l’istruzione degli adulti, per favorire la formazione degli stranieri che lavorano nelle piccole imprese del territorio.

«Per una formazione efficace del lavoratore straniero è indispensabile una conoscenza basilare della lingua italiana – ha dichiarato Oriano Lanfranconi, vice Presidente di Api Lecco - Questa collaborazione ci consentirà di progettare, realizzare e promuovere congiuntamente percorsi di formazione su tematiche inerenti la cultura del lavoro, come la sicurezza e la qualità, coinvolgendo i lavoratori delle aziende associate ad Api e le persone frequentanti le iniziative del Centro. Potranno inoltre essere programmati corsi sull’importante tema della sicurezza con il supporto linguistico dei docenti del Centro e percorsi formativi di lingua italiana per dipendenti stranieri che lavorano nelle aziende del territorio lecchese».

«Siamo molto soddisfatti dell’accordo firmato con Api perché è uno strumento concreto per creare un dialogo tra scuola e impresa e valorizza le competenze formative specifiche del CPIA rafforzandone il ruolo territoriale. L’accordo ci permette di progettare e realizzare moduli e percorsi formativi da offrire ai nostri utenti, spendibili sul mercato del lavoro» ha spiegato Claudio Corbetta del CPIA.

Il primo corso organizzato riguarda la formazione di lavoratori addetti ai reparti produttivi, orientato a favorire il superamento dei rischi che possono derivare dalle difficoltà linguistiche, o dalla scarsa comunicazione causata dalle differenze sensibilità culturali: per raggiungere questo obiettivo, il corso si avvarrà del supporto di un mediatore linguistico in inglese e in francese.

Durante il percorso formativo, che durerà 20 ore, saranno affrontati anche temi riguardanti gli aspetti comportamentali, il comportamento e l'atteggiamento dei lavoratori nei confronti delle regole, dei processi e delle situazioni lavorative, che andranno ad integrare i contenuti strettamente previsti dalla normativa.Per informazioni e adesioni contattare, entro il 26 marzo, l’Api Lecco allo 0341.282822.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento