menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giovanni Bussola, vicesindaco di Ballabio

Giovanni Bussola, vicesindaco di Ballabio

Tariffe e tasse non aumentano a Ballabio. L'Amministrazione: «Promessa mantenuta»

Nella serata di venerdì sono emerse buone notizie dal consiglio comunale

Buone notizie sono emerse dal Consiglio comunale tenutosi a Ballabio nel fine settimana da poco passato. L'assessore Giovanni Bruno Bussola ha presentato il bilancio di previsione che  conferma, anche per il 2018, la promessa del sindaco Alessandra Consonni: «I cittadini sono già abbastanza vessati dallo Stato centrale, noi non aumenteremo mai tasse e tariffe comunali». Una determinazione che, ha spiegato Bussola, «oggi fa di Ballabio uno dei comuni con la tassazione più bassa in assoluto di tutta la provincia di Lecco».

Eloquente esempio è l’addizionale Irpef media dei comuni della Provincia di Lecco, «superiore allo 0,5 % (con punte dello 0,8) mentre l’aliquota di Ballabio è solamente dello 0,35%», ha sottolineato.

Ballabio più sicura: nessun furto nel 2018

Riuscire a scansare gli aumenti di tassazione non è stata un'impresa facile, come ha spiegato l'assessore al Bilancio, «soprattutto alla luce dei tagli da parte dello stato centrale avvenuti nell’ultimo biennio tramite il fondo di solidarietà comunale: ricordo che ci sono stati tagliati ben più di € 140.000 e che siamo riusciti a sopperire a tale mannaia solamente grazie ad un’attenta opera di spending review».

Prosegue Bussola: «Esattamente come lo scorso anno la normativa contabile del pareggio di bilancio non ci permette di applicare subito il nostro avanzo, stimato in € 759.690,52 ma certamente lo faremo il mese prossimo non appena approvato il consuntivo 2017. Questa d’altronde è la stessa prassi con la quale nell’ultimo biennio abbiamo realizzato asfaltature, marciapiedi, installato telecamere intelligenti, rifatto la pavimentazione e riqualificate varie vie del nucleo storico di Ballabio superiore ed inferiore, potenziato gli impianti di illuminazione pubblica, creato aree WI-FI, riqualificato sentieri delle montagne che ci circondano, sistemato l’accatastamento non a norma degli edifici comunali che abbiamo ereditato ecc...».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento