Gsr: nuove strategie e metodi di lavoro per affrontare l'emergenza Covid

Nei prossimi mesi l'azienda calolziese continuerà con il programma prefissato per il 2020: tra le diverse novità che verranno presentate, anche l’inaugurazione della nuova unità produttiva

Gli ultimi mesi hanno segnato un cambiamento epocale a livello economico, produttivo e sociale. Il Covid-19 ha messo tutto in discussione, e molte aziende si sono trovate ad affrontare nuove problematiche mettendo in campo tutte le risorse organizzative possibili e ripensando metodi di lavoro, spazi, relazioni.

In casa Gsr la produzione non si è mai fermata. L'azienda con sede a Calolzio, leader mondiale nella produzione di presse destinate al mercato del cacao e dei semi a base oleosa, ha continuato ad essere operativa grazie alla collaborazione dei suoi dipendenti e all’eccezionale sforzo organizzativo per mettere in sicurezza tutti i lavoratori.

La nuova sede di Gsr nell'ex Trafileria Brambilla

Durante questa situazione di emergenza sanitaria, Gsr ha avuto conferma di quanto sia importante avere una filiera di approvvigionamento locale/nazionale. Quasi tutti i fornitori di Gsr infatti sono italiani: in una tale situazione, avere dei veri e propri “punti fermi” sul territorio nazionale ha permesso all'azienda calolziese di salvaguardare l’azienda stessa e tutta la sua produttività. «Vogliamo ringraziare tutti i nostri fornitori che ci hanno permesso di essere operativi, consegnandoci materiale importante destinato ai nostri clienti» - dichiarano da Gsr.

Le azioni che Gsr ha messo in campo dal momento della ripresa delle attività produttive, iniziata a maggio, prevedono il distanziamento sociale tra i dipendenti con plexiglass separatori tra le varie postazioni. La fornitura di guanti, mascherine e gel disinfettante insieme al controllo della temperatura giornaliero in ingresso e la sanificazione di tutte le postazioni di lavoro, sono diventate ormai una pratica consolidata, essendo precauzioni adottate fin da inizio emergenza.

Il grazie ai dipendenti

Ed è proprio ai dipendenti che va il ringraziamento più sentito: «Ringraziamo i nostri dipendenti per aver sostenuto l’economia del paese e per aver permesso che non si fermasse la filiera. È grazie a loro ed ai nostri fornitori se i nostri clienti hanno potuto continuare le loro attività. Li ringraziamo perché, chi in lavoro agile da casa e chi presentandosi in azienda, hanno continuato a lavorare con sacrificio. Li ringraziamo per aver accettato ed accettare tutt’oggi il cambiamento che questa situazione ha portato nelle loro vite e nel modo di lavorare. Sono per noi un esempio di dedizione serietà e professionalità e di questo ne andiamo molto fieri». 

Nei prossimi mesi Gsr continuerà con il programma prefissato per il 2020: diverse novità verranno presentate, tra queste l’inaugurazione della nuova unità produttiva. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico investimento sulla direttrice Milano-Lecco: la vittima era scomparsa nella mattinata

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Lecco, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio. Ecco le regole

  • Stroncato da un malore in montagna: Mandello piange Carlo Gilardi

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

Torna su
LeccoToday è in caricamento