Economia

A Lecco oltre 200 vertenze, recuperati 3 milioni di euro dei lavoratori

I dati della Cisl per l'anno 2017: coinvolte 417 persone, i fallimenti sono stati 417. I settori più interessati commercio e meccanica

Stefano Goi e Mario Todeschini della Cisl

In un anno più di tre milioni di euro di credito spettante a lavoratori lecchesi recuperato. Continua l'azione di sostegno portata avanti dalla Cisl Monza Brianza Lecco con il proprio Ufficio Vertenze.

Nell'arco del 2017 - tra gli sportelli di Lecco, Monza, Vimercate e Carate - è stata recuperata una somma pari a 10.323.075 euro. Gli altri numeri significativi: 940 pratiche per vertenze e fallimenti, 216 procedure concorsuali.

Il dato lecchese indica 216 vertenze individuali, 7 collettive e 71 fallimenti, per un totale di 417 lavoratori coinvolti (341 italiani, 58 extracomunitari, 18 comunitari). 

Recupero crediti in aumento

Nel nostro territorio i fallimenti hanno riguardato 152 lavoratori, ripartiti in questi settori: commercio per il 60,53% del totale, meccanici 15,13%, edil-legno 9,87%, chimici 7,89%, grafici 3,95%, alimentare 2,63%. Il numero di vertenze a Lecco è più alto nel settore meccanico, 102 pari a circa il 39% del totale.

Come hanno spiegato il segretario Cisl Monza Brianza Lecco Mario Todeschini e il direttore Stefano Goi, gran parte delle vertenze ha riguardato il recupero di crediti vantati dai lavoratori con i rispettivi datori. Sono infatti 611 su 913, in aumento costante negli ultimi anni. A Lecco sono stati 148. Seguono incentivi all'esodo (68) e opposizioni al licenziamento (35).

All'origine ci sono distorto utilizzo della flessibilità, dimissioni irregolari e discriminazioni di varia natura. «Queste somme sono un diritto sacrosanto di chi lavora - ha spiegato Stefano Goi - Purtroppo molti imprenditori scaricano sui lavoratori il rischio d'impresa, non pagando gli stipendi nascondendosi dietro la scusa della crisi, affidando tutto allo Stato. Ma per noi trattare con l'Inps per cercare di recuperare il credito non è facile a causa dell'ostacolo burocrazia».

«Confidiamo nella ripresa»

«Le ricadute per i lavoratori sono serie, perché spesso non hanno una famiglia alla quale appoggiarsi - ha spiegato Mario Todeschini - Speriamo che il 2018 segni una discontinuità con il recente passato e che la ripresa consenta di dare una risposta in termini di occupazione retributiva.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Lecco oltre 200 vertenze, recuperati 3 milioni di euro dei lavoratori

LeccoToday è in caricamento