Coronavirus, Riva (Confartigianato): «Imprenditori, non bloccate i pagamenti. Le banche aiutino il sistema»

Il presidente dell'associazione di categoria lecchese: «Alcune imprese stanno avvisando i propri fornitori che, a causa del Covid 19, bloccheranno i pagamenti in attesa di capire meglio cosa succederà»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Caro collega imprenditore,

credo che nessuno di noi abbia vissuto prima d’ora una fase della vita familiare e lavorativa come l’attuale. 

Con questa lettera, colgo innanzitutto l’occasione per ringraziare coloro che in queste settimane sono in prima linea nella gestione dell’emergenza. 

Mi riferisco in particolar modo agli operatori sanitari impegnati per garantire la nostra salute, che è e resta il bene primario per la nostra Comunità. 

Voglio inoltre  rivolgere il mio pensiero anche a chi, in ambiti diversi, consente a medici e infermieri di svolgere la loro indispensabile missione e sostiene al contempo le necessità di famiglie e imprese. 

In queste settimane ognuno di noi è stato chiamato a dare il proprio contributo per uscire da questa “battaglia”. Anche noi imprenditori, chiamati a un senso di responsabilità verso i nostri collaboratori e verso la società in cui operiamo. 

A questo proposito vorrei condividere con te un pensiero che in questi giorni mi sta attanagliando: cosa succederà a fine mese relativamente a pagamenti e incassi? 

In questi giorni,  alcune imprese stanno avvisando i propri fornitori che, a causa del Covid 19, bloccheranno i pagamenti in attesa di capire meglio cosa succederà.

Ma ci immaginiamo le conseguenze se nessuno pagherà nessuno? 

Faccio allora appello alla serietà, alla solidarietà, al senso di comunità tra imprese e imprenditori affinché ciò non accada! 

Il rischio sarebbe quello di vanificare gli sforzi che il sistema economico sta mettendo in campo.

Chiediamo  quindi al sistema bancario una pronta risposta affinché le imprese abbiano la liquidità necessaria per far sì che il sistema imprenditoriale, fatto per la maggior parte di piccole e medie imprese, regga in questa fase di fragilità e per non cadere nel pericoloso limbo “dei cattivi” della centrale rischi. 

Rivolgiamoci alle Associazioni di categoria e ai loro sistemi di credito per l’aiuto prezioso che possono offrirci in questo momento. 

C’è bisogno di una forte e convinta azione di tutti i soggetti che hanno a cuore il nostro tessuto produttivo. 

Sono certo che solo con il contributo di tutti riusciremo a superare questa “ora più buia”. 

Daniele Riva, presidente Confartigianato Imprese Lecco

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento