rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Economia Bonacina / Via Galileo Galilei

"Il nostro anno al fianco di artigiani e imprese, sempre più servizi e nuovi obiettivi"

I dati più significativi del 2022 di Confartigianato Lecco. "Per vincere nuove sfide sono fondamentali il rapporto con le scuole, il legame con il territorio e l'innovazione". Il lavoro? "C'è, a partire dalla manifattura, ma servono figure specializzate"

Che anno è stato il 2022 per Confartigianato Lecco e come si stanno preparando le piccole e medie imprese del territorio e l’Associazione di categoria al nuovo anno? Se n'è parlato in occasione della conferenza stampa pre natalizia organizzata oggi nella sede di via Galilei, dove i dirigenti di Confartigianato hanno stilato un bilancio del lavoro fatto, presentando - numeri alla mano - i servizi svolti e illustrando i prossimi obiettivi da raggiungere nel 2023. Presenti Daniele Riva (presidente), Vittorio Tonini (segretario generale), Ilaria Bonacina (vicepresidente), Matilde Petracca (vicesegretario generale, responsabile Welfare & relazioni organizzative) e Michele Ticozzi (Responsabile Area servizi).

I nuovi associati crescono, i servizi aumentano con risultati soddisfacenti, ci sono nuove sfide da vincere soprattutto sul fronte della formazione e dell'innovazione L'auspicio è innanzitutto quello di mettere finalmente alle spalle tre anni non certo facili segnati da covid, guerra in Ucraina con rincari di energia e costo della vita, per arrivare alla recente frana sulla Lecco-Ballabio che per almeno altri 40 giorni metterà in grossa difficoltà la viabilità e anche l'economia del territorio. La situazione resta insomma delicata ma il tessuto artigiano tiene e vuole guardare avanti.

"Stiamo lasciandoci alle spalle un altro anno di fatica per le imprese"

Nell'occasione è stato inoltre sottolineato un aspetto importante in merito al quale l'associazione di categoria si è già espressa più volte: il rapporto con le scuole: "La formazione è importante, e noi vogliamo continuare a collaborare con gli istituti del territorio affinchè possano formare i ragazzi tenendo conto delle reali esigenze del mondo del lavoro. Crediamo nel legame con il territorio, proprio grazie agli artigiani e alle imprese il lavoro non manca, occorre però avere una formazione mirata e la voglia di mettersi in gioco. La richiesta c'è anche nel Lecchese soprattutto nel settore manifatturiero, e non solo, ma servono figure specializzate".

Daniele Riva e Vittorio Tonini in conferenza stampa.

"Stiamo per lasciarci alle spalle l’ennesimo anno di fatica per le nostre imprese e di conseguenza per la nostra Associazione - ha commentato quindi Daniele Riva - Lo scorso anno di questi tempi eravamo ancora in balia della crisi pandemica, ignari di quel che si sarebbe scatenato sugli scenari geopolitici internazionali da lì a poco con la guerra in Ucraina e le pesanti conseguenze sulle bollette di imprese e famiglie. Gli sforzi delle piccole e medie imprese lecchesi, di qualunque categoria di appartenenza, e della nostra azione di rappresentanza si sono concentrati per la maggior parte nel cercare di far fronte a questa emergenza per scongiurare un nuovo lockdown, questa volta energetico. Fin qui abbiamo tenuto botta, come si suol dire, ma di fieno in cascina ne resta poco".

La scelta del Centro benessere: un bonus Natale di 300 euro a ogni dipendente

"Apprezziamo gli sforzi del Governo nel concentrare le risorse sulla priorità di ridurre l’impatto dei rincari dell’energia su imprese e famiglie e auspichiamo che le linee di intervento annunciate possano rafforzarsi, nel medio-lungo periodo, in misure a sostegno dello sviluppo delle imprese e del Paese. Tra questi, l’eliminazione definitiva degli oneri generali di sistema dalle bollette delle imprese con potenza pari o superiore ai 16 Kw e, sul fronte dei bonus edilizia, lo sblocco dei crediti fiscali incagliati delle imprese che hanno concesso lo sconto in fattura e sono a rischio sopravvivenza”.

Il progetto Confartigianato Network

Su cosa punterà quindi l’Associazione da gennaio per continuare a fare crescere le imprese associate e far fronte alle problematiche citate? "Continueremo sul solco tracciato in questi anni nel voler cambiare passo per dare risposte sempre più veloci e puntuali ai nostri soci - ha aggiunto il presidente di Confartigianato Lecco - Nel 2022 abbiamo gettato il cuore oltre l’ostacolo e i numeri che oggi illustriamo alla stampa lo dimostrano. Il 2023 si aprirà con importanti novità che prenderanno spunto dai valori associativi sottolineati con forza durante la nostra Assemblea di fine novembre: territorio, persone, radici, creatività, innovazione, futuro, cambiamento. Senza dimenticare il forte legame scuola-impresa. Il primo progetto a partire in ordine cronologico sarà “Confartigianato Network”. In questo database esclusivo, si potranno condividere con gli altri associati i propri contatti aziendali, accrescendo così la propria rete di contatti, creando nuove opportunità di lavoro e partnership. Il servizio sarà gratuito e riservato ai soli soci di Confartigianato Lecco".

L’Ufficio Bandi e Progetti speciali ha gestito 1 milione di euro in più rispetto al 2021

"Il 2022 è stato un anno di accelerazione di alcune attività grazie all’ascolto diretto delle esigenze delle imprese associate e alla capacità dei nostri collaboratori di trasformare le richieste in servizi - ha dichiarato Vittorio Tonini - Oltre a un balzo in avanti del numero di nuovi soci acquisiti nel 2022 grazie a un rinnovato team marketing e commerciale, è bene segnalare l’exploit dello Sportello Casa con 320 appuntamenti annuali, a sottolineare quanto il capitolo bonus non si sia per nulla esaurito sul territorio. L’Ufficio Bandi e Progetti speciali ha gestito 1 milione di euro in più rispetto al 2021, segno di quanto le imprese apprezzino un servizio di qualità a cui affidarsi per intercettare finanziamenti e risorse da dedicare a una maggiore competitività aziendale. Cresce inoltre l’attività legata ad export e fiere gestita dalla Rete Ufficio Estero, servizio che condividiamo con API - ha concluso il Segretario generale di Confartigianato Lecco - e infine la formazione, fortemente penalizzata dalle limitazioni imposte dal covid che ora sta tornando ai livelli pre pandemia".

Ilaria Bonacina.

"Anche quest'anno l'Associazione ha voluto dare un grande valore alle persone e alla risorse umane, sia al nostro interno, sia come indicazioni alle aziende - ha sottolineato invece Ilaria Bonacina - Abbiamo cercato di fare capire agli associati l'importanza di avere al proprio fianco una realtà come la nostra in grado di garantire servizi importanti per superare i problemi quotidiani, per conoscere le normative, per accedere ai bandi pubblici, per occuparsi della fatturazione elettronica piuttosto che delle numerose pratiche fiscali".

Un tema ripreso anche da Matilde Petracca, la quale ha posto l'accento sull'impegno di Confartigianato nel cercare di allargare il numero dei propri associati, partendo dall'area meccanica: "Abbiamo contattato direttamente le aziende potenzialmente interessante con i nostri operatori, ognuno dei quali conosce bene i servizi offerti, e abbiamo ottenuto i primi significativi risultati. Proseguiremo questa sperimentazione allargandola ad altre categorie, cuore pulsante della nostra Associazione. Stiamo ragionando in modo attento anche sulla valorizzazione delle 'zone' che seguiamo sul territorio provinciale". Infine l'intervento di Michele Ticozzi: "Grazie alle competenze interne siamo riusciti a garantire servizi importanti, inserendo in organico persone specializzate. Aziende e artigiani si sono rivolti a noi anche per i nuovi adempimenti degli ultimi anni, richiesti soprattutto dopo l'emergenza pandemica. Grazie al lavoro che svolgiamo abbiamo il polso della situazione sul territorio e vogliamo ora occuparci di ulteriori ambiti di competenza e consulenza".

Matilde Petracca e Michele Ticozzi.

Il 2022 di Confartigianato Lecco in termini di servizi: i numeri più significativi

  • Imprese Associate nell'ultimo anno: 102 (+15%)
  • Imprese convenzionate per assistenza contabile e adempimenti: 820
  • Pratiche legate all'emergenza Covid (Autodichiarazione Aiuti di Stato): 700
  • Fatture elettroniche transitate sul nostro sistema di interscambio: 150.000
  • Dichiarazioni Redditi predisposte: 1.950
  • Dichiarazioni Iva predisposte 620
  • Modelli F24 inviati: 12.000
  • Appuntamenti per consulenza straordinaria societaria e aziendale: oltre 500
  • Sportello casa, appuntamenti: 320
  • Aziende seguite per cessione credito/sconto in fattura: 25
  • Aziende convenzionate per il mandato paghe: 472
  • Cedolini elaborati: 30.000
  • Certificazioni uniche percipienti: 3.000
  • Invii telematici: Modello 770: 483
  • Autoliquidazioni Inail: 630
  • Pratiche Cassa Integrazione Fsba: 50
  • Consulenze Welfare erogate: 48
  • Nuove imprese nate con il supporto dell'Ufficio Avvio Impresa: 32
  • Imprese supportate per gestione pratiche CCIA, Pec, rilascio Durc: 1.905
  • Corsi di formazione svolti: 171
  • Bandi e progetti speciali, ammontare contributi gestiti: 3.623.000 euro
  • Aziende che hanno usufruito dei servizi di Rete Ufficio Estero: 35
  • Aziende che hanno avviato un programma di internazionalizzazione: 24

Premiate 25 attività storiche di Lecco e provincia: "Svolgono un servizio fondamentale"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il nostro anno al fianco di artigiani e imprese, sempre più servizi e nuovi obiettivi"

LeccoToday è in caricamento