menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

della Rocca Gioielli - La vendita del Rolex Daytona che ha cambiato la storia del brand

Esistono orologi divenuti celebri per via delle loro caratteristiche innovative, altri perché indossati da personalità del mondo dello spettacolo, altri ancora perché capaci di stabilire dei record. La messa in vendita di un Rolex, in particolare, dagli anni Sessanta è stata accomunata da tutti questi fattori: con Luca Grasso, esperto di orologeria e CEO di della Rocca Gioielli, ripercorriamo la storia del Rolex Daytona.

“La prima messa in vendita del Rolex Daytona ha già scandito un momento cruciale della storia del marchio Rolex, ed è solo l’inizio della serie di primati collezionati da questo iconico orologio, ancora oggi tra i più ambiti sul mercato”, commenta l’esperto. “Come per ogni grande innovazione, anche il Rolex Daytona ha un passato che ne ha permesso lo sviluppo: il Rolex Chronograph ref. 6238, il primo cronografo di impostazione moderna. L’orologio mostra uno stile differente rispetto ai modelli precedenti, con un quadrante monocromatico (più comunemente argentè, ma esistono anche varianti in grigio ardesia e nero) dotato di indici applicati con una sfaccettatura caratteristica”.  

Questo modello, definito pre-Daytona, apre le porte alla messa in vendita del Rolex Daytona, che fa la sua comparsa sul mercato nel 1963: “Questa è la prima data importante per il Daytona non solo perché è l’anno della sua nascita, ma anche perché questo orologio segna una rivoluzione per il brand. Il primo Rolex Cosmograph è la ref. 6239 e introduce una grande innovazione: la lunetta graduata con scala tachimetrica viene incisa direttamente nel metallo, così il quadrante acquista maggiore leggibilità e un design più ricercato. Viene messo in vendita in due varianti: nero con contatori chiari e argento con contatori scuri”.  

Due anni dopo, il nome Daytona compare per la prima volta sul quadrante: “Si tratta di un dettaglio per nulla secondario”, spiega l’esperto. “Con questo nome, l’orologio si lega in modo indissolubile a un immaginario fatto di spirito d’avventura, di coraggio, di superamento dei limiti. Il riferimento, infatti, è quello della celebre pista di automobilismo sulla quale, tra il 1904 e il 1935, sono stati stabiliti 14 record del mondo di velocità, cinque dei quali raggiunti dal pilota Sir Malcolm Campbell. Lui, come molti altri piloti, era già appassionato di Rolex: la messa in vendita del Daytona ha rafforzato ulteriormente il legame tra il brand e il mondo dello sport”.

Negli anni successivi il Daytona continua a essere occasione per Rolex di sperimentare innovazioni tecniche: “la referenza 6240 introduce i pulsanti cronografici con serraggio a vite, che ne garantiscono l’impermeabilità. Per la prima volta, sul quadrante compare la scritta Oyster. Altre due referenze innovative dal punto di vista dell’estetica e della tecnologia sono la 6263 e la 6265, entrambe dotate di pulsanti a vite e di una nuova e più efficiente corona di carica, la Triplock. Di queste referenze, intorno alla metà degli anni Settanta, vengono introdotte due lussuose varianti: la 6269, con lunetta taglio brillante, e la 6270, con lunetta taglio baguette, caratterizzate da ghiere  e quadranti con diamanti incastonati”.

A distanza di più di mezzo secolo dalla messa in vendita del primo Rolex Daytona, l’orologio è ancora un investimento sicuro, il cui valore è destinato ad aumentare nel tempo. Spiega il CEO di della Rocca Gioielli: “Il fascino del Daytona non ha mai vacillato, nemmeno quando i cronografi a carica manuale sono stati sostituiti nel catalogo Rolex da quelli a carica automatica, a partire dalla fine degli anni Ottanta”.

Due esempi in particolare ci aiutano a capire quanto il Rolex Daytona abbia contribuito ad accrescere la fortuna del marchio Rolex. Racconta l’esperto: “Nel 2015, la vendita di un Rolex Daytona appartenuto a Eric Clapton - un rarissimo Oyster ref. 6263, denominato Albino, di cui se ne conoscono solo quattro esemplari al mondo - è stata battuta all’asta per 1.100.000 euro. Il record assoluto, però, è stato stabilito nel 2017 da un Rolex appartenuto a Paul Newman, il celebre attore appassionato di corse automobilistiche: il suo Daytona ref. 6239, dal quale ha preso il nome la serie di Rolex Daytona Paul Newman, è attualmente l’orologio venduto al prezzo più alto in assoluto, ovvero 18.000.000 di euro comprensivi di diritti d’asta. Segno che il fascino del Rolex Daytona è ancora oggi più vivo che mai”.

della Rocca Gioielli è una boutique di orologeria bolognese specializzata nella compravendita di Rolex usati, considerata un punto di riferimento in tutto il mondo. Presso della Rocca Gioielli è possibile effettuare compravendite di orologi d’epoca e richiedere valutazioni affidandosi ai periti esperti della boutique, iscritti ai ruoli 1033 e 1042 C.C.I.A.A. e del Tribunale di Bologna.

della Rocca Gioielli
Sito web: https://www.dellaroccagioielli.it/Rolex-Lecco
Piazza dell’Otto Agosto 4/h - 40126 Bologna
Servizio Clienti: +39 051 246688, +39 051 252918
email: drg@dellaroccagioielli.com      

Foto da mettere sotto l'articolo (2)-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento