publisher partner

Rinfrescarsi e divertirsi in estate senza sprecare acqua: 5 consigli infallibili

Alcune indicazioni per chi possiede una piscina, ma anche per coloro che vogliono trovare metodi alternativi per resistere al caldo torrido di questi mesi. Si può giocare con la risorsa idrica in modo intelligente, creativo e sostenibile

Finalmente è arrivata l’estate e tutti, grandi e piccoli, hanno bisogno di refrigerarsi. Anche se quest’anno è stato ricco di precipitazioni e lo spettro della siccità si è momentaneamente allontanato, non bisogna dare per scontato quanto sia preziosa l’acqua e quanto sia sempre necessario utilizzarla con consapevolezza e rispetto.

Ed ora che finalmente fa caldo, l’acqua è l'alleata perfetta per divertirrsi e rinfrescarsi. Nella provincia di Lecco, molti hanno la fortuna di possedere delle piscine, alcune fisse ed altre rimovibili, all’interno dei propri cortili e giardini. Questo comporta una particolare attenzione nell’evitare alcune azioni che possono contribuire allo spreco d’acqua. 

Come ridurre gli sprechi d’acqua in piscina

Lario Reti Holding suggerisce cinque buone pratiche per continuare a divertirsi in acqua e mantenendo una piscina pulita e funzionante con una gestione più ecologica:

1. Ridurre l’evaporazione è un problema significativo, che può far perdere fino a 1-2 cm di acqua al giorno, soprattutto durante le giornate particolarmente calde. Per ridurre questo fenomeno, ed evitare contaminazioni dalla pioggia, si consiglia di utilizzare coperture scorrevoli che proteggano le vasche quando non sono in uso.

2. La pulizia efficiente dei filtri, o contro lavaggio, è una pratica che consuma molta acqua. Utilizzare filtri a cartuccia anziché quelli a sabbia può ridurre notevolmente questo consumo. Inoltre, fare una veloce doccia prima di entrare in piscina aiuta a mantenere l'acqua più pulita, diminuendo la frequenza di pulizia dei filtri.

3. Evitare il riempimento eccessivo per prevenire straripamenti e sprechi d'acqua inutili.

4. Analizzare l’acqua aiuta a ridurre al minimo la frequenza dello svuotamento della vasca. La "vita" dell'acqua di una piscina media (27-30 metri cubi) è di circa 5-6 anni, ma solo con un’adeguata analisi delle acque che rilevi almeno 5 parametri. In questo modo è possibile aggiungere i prodotti chimici adeguati ad allungare la vita della vostra piscina.

5. È importante ispezionare lo stato delle tubature durante lo svuotamento, per assicurarsi che siano in buone condizioni ed evitare perdite o sgocciolamenti.

Giochi creativi e sostenibili

E se non si possiede una piscina ma si vuole giocare e rinfrescarsi mantenendo sempre un occhio di riguardo alla salvaguardia della risorsa idrica?

Ecco alcuni giochi che si possono fare utilizzando l’acqua come materiale creativo e ricreativo, sperimentando e rimanendo freschi.

Tutte queste attività comportano l’uso di una quantità minima di acqua, che deve essere poi riutilizzata per bagnare le piante e il giardino, in modo da ridurre ogni spreco.

- Ciclo dell’acqua in miniatura: è necessario munirsi di carta stagnola e modellala a forma di montagna, corso d'acqua e lago; dopo avere messo un cubetto di ghiaccio sulla montagna e avere chiuso il contenitore, posizionare al sole. In pochi minuti si potrà osservare il processo di scioglimento e di evaporazione, in miniatura.

- Travasi con l’acqua: utilizzando contenitori di diverse forme e dimensioni, e accessori come imbuti e siringhe senza ago, è possibile misurare le quantità di acqua che ciascun oggetto contiene, senza disperderla e con la possibilità di riutilizzarla.

- Dipingere con l’acqua: basta un pennello e coloranti alimentari, caffè solubile o spezie da diluire in acqua per realizzare fantastici disegni temporanei sulle mattonelle del balcone o del portico, che si puliranno facilmente al primo acquazzone senza inquinare gli scarichi fognari.

- La lavanderia per i giocattoli: fornendo spugne colorate, spazzole di varie misure e stracci per asciugare, i bambini potranno divertirsi e rinfrescarsi lavando gli animali della fattoria, le costruzioni o altri giocattoli. È un ottimo modo di unire l’utile al dilettevole.

- La zuppa naturale: mescolando sassi, foglie e terra si crea una zuppa naturale utilizzabile per annaffiare le piante. È un modo divertente per insegnare ai bambini a prendersi cura del giardino.

- Galleggia o affonda?: Questo gioco consiste nel raccogliere oggetti di materiali diversi e immergerli nell’acqua per scoprire cosa galleggia e cosa affonda: l'esperimento può essere fatto anche con frutta e verdura, magari mentre si dà una mano in cucina.

- Un’avventura glaciale: senza dubbio il gioco più fresco. Bisogna mettere piccoli oggetti in una vaschetta (giochi di plastica, come animali dinosauri o palline), coprirli con acqua e congelare il tutto. I bambini si divertiranno a scavare, raschiare e martellare il ghiaccio per recuperare i loro tesori.

Lario Reti Holding mette a disposizione altri consigli per il risparmio idrico e tante altre buone pratiche nella sezione Sostieni l'ambiente del suo sito internet (cliccare sul link per accedere direttamente). Qui ci si potrà mettere alla prova anche con il quiz e scoprire quanta acqua si può risparmiare seguendo tali consigli. Fermare gli sprechi è possibile, tutti insieme.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LeccoToday è in caricamento