rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
I fondi

Due milioni di euro per migliorare le strutture turistiche e pagare bollette più leggere

Da Regione Lombardia i fondi per efficientare le strutture ricettive

Due milioni di euro per migliorare le strutture ricettive e pagare bollette più leggere. La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell'assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni, ha approvato i criteri per l'utilizzo dei due milioni di euro messi a disposizione per la misura "Efficienza energetica, contributi per favorire l'efficienza energetica delle imprese turistiche". Criteri stilati insieme al sistema delle Camere di Commercio lombarde, “risorse utili a mitigare gli effetti dell'impennata dei costi dell'energia, a sostegno di una filiera in ripresa dopo le difficoltà causate dalla pandemia”.

“Il sostegno al settore ricettivo - ha spiegato Lara Magoni - è fondamentale per aiutare professionisti e imprenditori alle prese con bollette dell'energia ormai divenute insostenibili. Regione Lombardia dimostra ancora una volta con i fatti di sostenere chi crede nel futuro e, soprattutto, decide di investire nella sostenibilità ambientale. L'opportunità di avere strutture all'avanguardia e moderne costituisce un valore aggiunto per il turismo lombardo, anche in vista di eventi internazionali quali Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023 e i Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali di Milano Cortina 2026”.

Fondi per le strutture turistiche: come ottenerli

L'agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili. Il contributo massimo è pari a 40mila euro.

Tra le spese ammissibili rientrano:

  • acquisto e installazione di collettori solari termici e/o impianti di microcogenerazione;
  • impianti fotovoltaici per l'autoproduzione di energia con fonti rinnovabili;
  • acquisto e installazione di macchinari e attrezzature in sostituzione di quelli in uso;
  • acquisto e installazione di caldaie ad alta efficienza a condensazione, a biomassa o pompe di calore in sostituzione delle caldaie in uso;
  • acquisto e installazione di raffrescatori/raffreddatori evaporativi portatili o fissi che non richiedono l'utilizzo di fluidi refrigeranti;
  • acquisto e installazione di sistemi di domotica e/o di sistemi digitali per il risparmio energetico e di monitoraggio dei consumi energetici;
  • acquisto e installazione di apparecchi LED a basso consumo in sostituzione dell'illuminazione tradizionale.

Le domande dovranno essere trasmesse attraverso il sito https://webtelemaco.infocamere.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due milioni di euro per migliorare le strutture turistiche e pagare bollette più leggere

LeccoToday è in caricamento