menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nel 2019 rallentano import ed export delle imprese lariane: nel Lecchese crollano gli acquisti dall'estero

Migliora l’attivo della bilancia commerciale, che supera quota 4,6 miliardi di euro: +2,8%

Nel 2019 il territorio lariano ha esportato merci per 10,2 miliardi di Euro (-3% rispetto al 2018, contro il +2,3% nazionale; la variazione percentuale dell’export lombardo è pressoché nulla, pur a fronte di una riduzione in termini assoluti di 52,6 milioni di Euro). Le importazioni sono ammontate a circa 5,6 miliardi di Euro (-7,2%; Lombardia -0,4%; Italia -0,7%). Il saldo della bilancia commerciale continua ad essere positivo ed è in aumento: nel 2019 ha toccato quota 4,6 miliardi di Euro (+2,8%). Il saldo della nostra regione rimane negativo (-7,3 miliardi di Euro, in peggioramento del 6,6% rispetto al 2018), mentre il surplus italiano è stato superiore ai 39 miliardi di Euro (+34,8%).

Como sia le importazioni che le esportazioni evidenziano cali superiori ai due punti percentuali (rispettivamente -2,7% e -2,5%); da segnalare il significativo calo dell’import della provincia di Lecco(-12,5%), il più elevato in tutta la Lombardia; l’export diminuisce del 3,4%. Pertanto, migliora notevolmente il saldo della bilancia commerciale lecchese (+11,2%), contro il -2,8% di Como.

A livello regionale, la provincia che ha visto crescere maggiormente il proprio export è Pavia (+12,5%), seguita da Milano e Cremona (rispettivamente +4,4% e +0,6%). Como si posiziona all’8° posto e Lecco al 9°; la graduatoria lombarda è chiusa da Monza e Varese (rispettivamente -4% e -7,9%).

Per quanto concerne la variazione delle importazioni, solo Varese, Pavia e Milano registrano un segno più (rispettivamente +4,3%, +2,3% e +1,9%). Como si posiziona al 6° posto e Lecco chiude la graduatoria regionale.

Nel 2019 il contributo all’export lariano proviene prevalentemente dal settore “altro industria” (33,1% del totale) e dai prodotti in metallo (22,2%). Importante è anche l’apporto dei comparti tessile (16,2%) e chimica-gomma (12,9%). Tutti i principali settori fanno registrare una diminuzione rispetto al 2018 (in particolare “altro industria” e prodotti in metallo: rispettivamente -3,9% e -6,3%). Solo mezzi di trasporto, alimentare e “altro” evidenziano variazioni positive (rispettivamente +0,7%, +2,8% e +55,5%).

Como, dopo “altro industria” (31% dell’export totale), il settore più rilevante è quello dei prodotti tessili (24,1%), seguito dalla chimica-gomma (18,1%). Tutti i principali comparti mostrano una diminuzione dell’export (in particolare “altro industria” -4,1%; tessile -5,5%), con la sola eccezione della chimica-gomma (+2,4%). A Lecco il metalmeccanico continua a rappresentare oltre un terzo del totale delle esportazioni (35,6%), ma il comparto principale è sempre “altro industria” (35,9%); al terzo posto si posiziona la chimica-gomma (6,3%). Tutti e tre i comparti mostrano cali delle esportazioni (chimica-gomma -10,2%; metalmeccanico -7,1%; “altro industria” -3,6%).

I settori principali delle importazioni lariane sono “altro industria” (26,5%), metalmeccanico (21,4%), chimica-gomma (17,8%) e tessile (13,2%). Tra i principali comparti, solo il primo evidenzia una crescita (+1,6%); da sottolineare il forte calo del metalmeccanico (-19,5%), mentre più contenuta è stata la diminuzione della chimica-gomma (-5,3%).

Como, dopo “altro industria” (26,9% del totale delle importazioni), il settore più rilevante è quello della chimica-gomma (24%), seguito dal tessile (19,1%). Il primo e il terzo comparto evidenziano crescite nei confronti del 2018 (rispettivamente +2,7%, +0,6%), mentre diminuisce l’import della chimica-gomma (-3,5%). A Lecco il metalmeccanico rappresenta il 36,7% dell’import totale, seguito da “altro industria” (25,9%) e chimica-gomma (10%). Tra i principali settori, solo “altro industria” evidenzia una crescita delle importazioni lecchesi (+0,2%), mentre registrano cali significativi chimica gomma e, soprattutto, metalmeccanico (rispettivamente -10,1% e -21,5%); tutti gli altri settori sono in diminuzione, con la sola eccezione dei mezzi di trasporto (+2%).

Mercati di sbocco: Germania meta preferita

Nel 2019 il principale mercato continentale di riferimento per l’economia lariana rimane quello europeo (73,2% delle esportazioni e 74% delle importazioni), pur registrando un  significativo calo rispetto al 2018 (-8,5% per l’import e -4,4% per l’export). Il mercato asiatico è il secondo per importanza (20,9% delle importazioni lariane, con una diminuzione dello 0,6%; 13,4% delle esportazioni, -0,4%) ed è seguito da quello americano, che rappresenta il 3,7% dell’import e il 10% dell’export (rispettivamente -10,6% e +9,8%). Con l’Africa si realizza l’1,3% delle importazioni e il 2,7% delle esportazioni lariane (rispettivamente -10,6% e -15,4%). 

Per Como il peso del mercato europeo è inferiore rispetto a Lecco sia per quanto riguarda le esportazioni (rispettivamente 72% e 74,7%) che per le importazioni (67,6% e 82%). Ciò vale anche con riferimento all’import dall’Asia, che risulta quasi il doppio rispetto al dato lecchese (26,5% contro 13,7%), mentre la quota dell’export è la medesima (13,4% in entrambi i territori). I rapporti commerciali di Como con l’America risultano più significativi sia per le importazioni che per le esportazioni (per queste ultime la quota comasca è pari all’11,1% contro l’8,8% lecchese; entrambe sono significativamente più elevate rispetto alle importazioni, rispettivamente pari al 4,2% e al 2,9%). Limitati, in entrambi i territori, sono i rapporti commerciali con Africa e Oceania; per entrambe l’export è superiore all’import.

principali Paesi di destinazione dell’export lariano continuano ad essere Germania, Francia e Stati Uniti (destinatari rispettivamente del 17,3%, dell’11,8% e del 7% del totale). Per le importazioni, dopo la Germania (22,9%) si posiziona la Cina con il 12,9%, seguita dalla Francia con il 7,1%.

La quota delle esportazioni comasche verso il mercato tedesco è inferiore a quella lecchese (rispettivamente 13,9% e 26,5%), mentre è leggermente maggiore verso la Francia (12,5% contro 11,3%) e verso gli Stati Uniti (7,7% contro 6,2%). Lecco evidenzia un peso superiore a Como per le importazioni dalla Germania (20,1% contro 26,5%) e dalla Francia (7,4% contro 6,9%), mentre il mercato di approvvigionamento cinese riveste un ruolo molto più significativo per Como (17,2%, contro il 7,6% lecchese). 

Bilancia commerciale con i principali Paesi di interscambio

Con la Germania - primo Paese sia per l’export che per l’import lariano - la bilancia commerciale del 2019 è positiva per 477 milioni di Euro (di cui 166,5 milioni ascrivibili a Como e 310,5 milioni a Lecco).

Con la Francia (2° mercato di sbocco e 3° di approvvigionamento), l’attivo è stato di 799 milioni di Euro (Como 477,3 milioni; Lecco 321,7).

Con la Svizzera (4° mercato di sbocco e 8° di approvvigionamento), l’attivo è stato di 457 milioni di Euro (di cui Como 303,9 milioni e Lecco 153,1).

Con il Regno Unito (6° mercato sia per il nostro export che per l’import) il surplus è stato di 271,3 milioni di Euro (Como 183,4 milioni e Lecco 87,9).

Con la Spagna (5° mercato di sbocco e 4° di approvvigionamento) si è verificato un avanzo di 161,9 milioni di Euro (Como +201,9 milioni; Lecco -40 milioni).

La Cina è il 2° Paese di riferimento per le importazioni lariane, mentre meno significativo è l’export; ilsaldo è negativo per 457,2 milioni di Euro (di cui Como -353 milioni e Lecco -104,2 milioni).

Viceversa, gli Stati Uniti sono il 3° Paese destinatario delle esportazioni lariane, ma non rientrano tra i primi 10 con riferimento all’import; il saldo è positivo per 607,8 milioni di Euro (di cui Como 386,4 milioni e Lecco 221,4).

La somma degli attivi commerciali con Germania, Francia e Stati Uniti rappresenta il 41,3% dell’intero avanzo commerciale lariano del  2019.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazione anti-covid, da giovedì possono prenotarsi 22mila lecchesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento