rotate-mobile
Economia Pescarenico / Via dei Pescatori, 53

Matrimonio dolcissimo tra Icam Cioccolato e Italia Zuccheri-Coprob

L'azienda lecchese ha scelto lo zucchero per le tavolette del suo premium brand Vanini. Le due eccellenze del made in Italy: «Condividiamo gli stessi valori»

Nuova importante collaborazione per Icam Cioccolato. L'azienda lecchese sceglie infatti lo zucchero di Italia Zuccheri-Coprob per le tavolette del suo premium brand Vanini. Unica azienda di zucchero a produrre in Italia, Italia Zuccheri-Coprob è una filiera corta e rappresenta una cooperativa con un indotto complessivo di circa 7mila aziende agricole (soci e conferenti) che gestiscono tutta la produzione dello zucchero 100% italiano - dal campo alla tavola - e vedono i coltivatori italiani impegnati in un percorso di agricoltura sempre più sostenibile.

Per le sue tavolette di cioccolato Vanini monorigine Bagua,  Icam ha deciso di utilizzare lo zucchero 100% italiano da agricoltura sostenibile di Italia Zuccheri-Coprob, e per le tavolette biologiche Vanini monorigine Uganda è stato scelto lo zucchero 100% italiano da filiera certificata in qualità biologica, frutto di un importante lavoro di sperimentazione di Italia Zuccheri-Coprob che ha previsto l'ampliamento della produzione di zucchero anche nel settore del biologico, in risposta alle richieste di un mercato sempre più attento e sensibile alla provenienza di prodotti e ingredienti.

Rapporti diretti con i coltivatori della materia prima

Una collaborazione consolidata, quella tra i Icam e di Italia Zuccheri-Coprob, che vede coinvolte due realtà virtuose dell’agroalimentare italiano, accomunate da un modello di business che privilegia i rapporti diretti con i coltivatori della materia prima - rispettivamente cacao e zucchero - per garantire un prodotto di alta qualità, controllato e rispettoso della filiera. Una scelta in linea con i valori che Icam sostiene da sempre e per i quali si impegna attivamente ogni giorno: il presidio e la cura della filiera a partire dalla fava di cacao per finire alla tavoletta di cioccolato, l’attenzione verso le persone, la tutela dell’ambiente e una costante propensione all’innovazione. Per Icam la tracciabilità della filiera rappresenta un aspetto primario: l’azienda, infatti, è una delle poche al mondo a poter vantare un controllo completo e integrato della filiera produttiva, selezionando le migliori piantagioni di cacao, collaborando strettamente con i produttori locali e selezionando fornitori in grado di garantire alti standard di qualità e tracciabilità della materia prima.

"L’iniziativa con Italia Zuccheri è frutto di una partnership cresciuta in più di 10 anni di stretta collaborazione basata sulla condivisione dei valori di qualità, presidio del territorio e delle colture, italianità, attenzione alle persone e allo sviluppo sociale del territorio di origine. Abbiamo seguito con interesse l’evoluzione del loro progetto di 'Filiera Corta 100% Made in Italy', e oggi con entusiasmo lo inseriamo sulle tavolette Vanini - il nostro marchio di punta - per valorizzare il modello di business che ci accomuna e nel quale entrambe crediamo fortemente", ha dichiarato Sara Agostoni, Chief Sustainability Officer di Icam.

"Italia Zuccheri e Icam Cioccolato condividono gli stessi valori: eccellenza qualitativa, made in Italy, sostenibilità ambientale e sostegno alle filiere locali. Siamo orgogliosi di lavorare in stretta sinergia per trasferire tutti questi valori sul cliente finale. Questa è una storia di collaborazione tra due aziende d’eccellenza italiana, che creano sistema e insieme costruiscono un percorso valoriale autentico, credibile e sostenibile", ha commentato Leandro Cariolo, Head of marketing & Trade Marketing di Italia Zuccheri Commerciale Srl.

Tutela della biodiversità

I prodotti di Italia Zuccheri derivano dalla barbabietola da zucchero, una coltura fondamentale anche per la sostenibilità agricola e di importanza strategica nell’ambito della rotazione delle colture, grazie agli elementi nutritivi organici e minerali rilasciati nel terreno. Si tratta, inoltre, di una delle filiere più virtuose in termini di assorbimento di gas serra, se consideriamo che la coltivazione di un ettaro di barbabietola assorbe la stessa quantità di CO2 di un ettaro di bosco (BioAlter, Fonte: Prof. R. Giovanardi, M. Sandonà - Università degli studi di Udine).

Inoltre, coerente con il proprio impegno a tutela della biodiversità, Italia Zuccheri ha deciso di adottare misure a tutela delle api, impegnandosi a definire delle fasce di rispetto fiorite attorno alle coltivazioni biologiche. Oltre a portare colore e profumo al paesaggio, questi fiori aiutano da un lato a creare un ambiente favorevole per le api e dall’altro sostengono la fertilità del suolo a lungo termine e assicurano l'allontanamento di alcuni parassiti che aggrediscono le bietole.

La tutela della biodiversità è un ulteriore aspetto che accomuna le due realtà: Icam, infatti, si impegna da sempre per preservare la biodiversità offrendo ai coltivatori soluzioni per aumentare la produttività del raccolto, mantenendo la fertilità del suolo e rispettando le specie forestali, tra cui la coltivazione del cacao a fianco di piante da frutto. Basti ricordare che nel 2021 il 63,3% del cacao utilizzato da Icam è stato certificato biologico o Rainforest Alliance.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matrimonio dolcissimo tra Icam Cioccolato e Italia Zuccheri-Coprob

LeccoToday è in caricamento